«E da settembre andranno tutti a scuola»

da Roma

Tutti i bimbi rom a scuola da settembre. «È necessario accelerare sulla strada dell’integrazione, passando attraverso la rilevazione di tutti i bambini presenti nei campi nomadi», dice il ministro dell’Istruzione, Mariastella Gelmini, annunciando il piano di scolarizzazione a partire dall’inizio del prossimo anno scolastico. Il ministro torna pure a difendere il provvedimento sul rilevamento delle impronte digitali ricordando che «non sono uno strumento di discriminazione ma di tutela nei confronti di bambini spesso costretti alla delinquenza o all’accattonaggio».
Il piano prevede ore supplementari di insegnamento della lingua italiana mirate sulle esigenze dei piccoli stranieri. Un piano nazionale di formazione di docenti e dirigenti scolastici che verranno preparati come mediatori culturali per meglio comprendere la civiltà rom. Infine una serie di protocolli d’intesa con associazioni che si occupano di nomadi per potenziare gli interventi di sostegno alla scolarizzazione.