E la Sicilia piange un’altra vittima

Era all’ultimo giorno di lavoro nella centrale Enel di Termini Imerese l’operaio morto ieri mattina dopo essere precipitato da un’impalcatura. Domenico Cagnina lavorava per conto della ditta Marine srl di Messina. Era stato assunto con un contratto a termine che sarebbe scaduto alla fine dei lavori che lo stesso Cagnina stava completando su alcune parti idrauliche dell’impianto, in manutenzione da un paio di settimane. L’Enel ha avviato un’indagine interna.