E il Tar respinge ricorso su Volare

Nessuna sospensione del via libera condizionato all’operazione riferita all’acquisizione da parte di Alitalia del gruppo Volare. Lo ha deciso la prima sezione del Tar del Lazio, presieduta da Luigi Tosti, che dopo la camera di consiglio ha respinto l’istanza di sospensione, fatta da Alitalia, del provvedimento con il quale il 5 luglio scorso l’Autorità garante della concorrenza e del mercato si pronunciò con riferimento all’acquisizione del gruppo Volare, ammesso in precedenza alla procedura di amministrazione straordinaria. Per i giudici del Tar del Lazio «non sussistono i presupposti» che configurerebbero «un danno attuale». Da ciò la decisione di respingere la richiesta di sospensione del provvedimento dell’Autorità. In particolare, l’Antitrust il 5 luglio scorso diede il suo via libera «condizionato» all’operazione riferita al gruppo Volare, stabilendo che Alitalia avrebbe dovuto rilasciare due coppie di slot nazionali (ovvero fasce orarie per il decollo e l’atterraggio in determinati scali), e due coppie di slot internazionali, tutti appartenenti a Volare. Da ciò la decisione di «condizionare» il via libera all’acquisto della compagnia aerea, previo rilascio delle coppie di slot. Si attende ora che venga fissata l’udienza nel corso della quale i giudici amministrativi del Lazio entreranno nel merito della vicenda.