E Toni chiama Cassano al Genoa

Luca Toni chiama Cassano al Genoa. «Mi dispiace che un campione come Antonio ora non possa esprimere il suo talento. Se vuole rimanere a Genova, parli con il nostro presidente». Il tutto con il sorriso stampato sulle labbra, rendendosi conto della proposta indecente che sta facendo. Ma intanto la butta lì. Il bomber modenese ieri è intervenuto all'inaugurazione del nuovo punto vendita dello sponsor rossoblù IziPlay in piazza Rossetti. A fargli compagnia, Dario Dainelli con il quale si è cimentato in una partita dimostrativa di poker. Toni, ovviamente, non ha parlato solo di Antonio Cassano. Da ex rosanero (50 gol in 80 partite) ci tiene a fare bella figura davanti al suo vecchio pubblico: «A Palermo ho vissuto due anni fantastici che mi hanno cambiato la vita e la carriera. Mi sono lasciato un po' male con l'ambiente, ma non solo per colpa mia. Magari qualcuno se ne è approfittato. Sarebbe bello essere accolto dagli applausi dei tifosi, però la vedo dura». Il centravanti ex Bayern chiede alla squadra maggiore concretezza: «Oltre a disputare grandi partite, adesso bisogna fare anche punti. Ultimamente siamo stati un po' sfortunati, perché ci sono venuti a mancare giocatori importanti, ma con due, tre vittorie possiamo spiccare il volo in classifica».
Chi non conserva ricordi bellissimi di Palermo è Mattia Destro: «Quando ero all'Inter i rosanero ci sconfissero nelle finali nazionali del campionato Primavera. Allora mi colpì Hernandez, un giocatore che nel frattempo è cresciuto molto e ha tutto per sfondare». Allo stadio Barbera domenica mancherà Chico, che starà fermo un paio di settimane, a causa del trauma distorsivo alla caviglia subìto due giorni fa in allenamento. Al suo posto dovrebbe giocare Tomovic. Gasperini confida nel recupero in extremis di Veloso, ma le chance di vederlo in campo contro il Palermo non sono molte. Idem per Rudolf e Kharja. Boakye e Doninelli sentono profumo di convocazione. Palermo-Genoa sarà diretta da Brighi di Cesena. Intanto il Casms (comitato di analisi per la sicurezza delle manifestazioni sportive) ha vietato la vendita dei tagliandi di Cagliari-Genoa in programma il 14 novembre ai residenti in Liguria sprovvisti di tessera del tifoso.