E le top model sfilano coperte solo da piume e cristalli

Torna in passerella l’intimo di Victoria’s Secrets dopo un anno di pausa forzata a causa del nudo involontario di Janet Jackson. E per rilanciarsi ingaggia le più belle

da New York

C’erano tutte. Tutte le top model, insieme per la regina dell’intimo: Victoria’s Secrets. Alla c’erano Gisele Bundchen in minigonna inguinale coperta di piume da Babbo Natale e stivali con tacco a spillo e pelliccia, Naomi con la tromba e coperta solo da un reggiseno ricamato e un tanga a rete con cristalli di Swarovski. È stato un ritorno esuberante quello in passerella per Victoria's Secret: la casa di abbigliamento intimo ha sfilato per la prima volta dopo due anni con una collezione stravagante carica di sensualità. Il défilé, uno spettacolo di pizzi costato diversi milioni di dollari e trasmesso in televisione, era stato cancellato lo scorso anno dopo l'ondata di pudore nei programmi tv dopo il «malfunzionamento del guardaroba» di Janet Jackson, che al Super Bowl del 2004 ha mostrato il seno durante l’esibizione di metà partita in compagnia di Justin Timberlake.
La sfilata del 2005 è stata filmata per andare in onda il 6 dicembre sulla rete Cbs, che ha trasmesso l'evento per due anni di seguito prima che venisse interrotto per l’incidente della sorella di Michael Jackson. La kermesse di giovedì sera ha avuto luogo all'Araldica dello stato di New York a Manhattan, mentre le strade vicine si riempivano di lunghe file di fan speranzosi, alcuni dei quali sono stati allontanati.
La folla accalcata nella sala con solo posti in piedi ha ammirato le top model: oltre alla Bundchen e alla Campbell, Tyra Banks e Heidi Klum - nella prima apparizione pubblica dopo il parto - adornate degli ultimi modelli di Victoria's Secret. Il défilé è stato decorato come una stanza giochi per le vacanze natalizie, con enormi orsacchiotti rosa con la scritta «Orsacchiottino sexy», grandi scatole con regali, bastoncini di zucchero ed elementi di costruzione con lettere d'alfabeto. Diversamente della tipiche sfilate in cui le modelle percorrono la passerella con visi imbronciati, qui le modelle hanno sorriso e canticchiato la musica. Hanno chiuso lo spettacolo mettendosi in fila in cima alla passerella, ballando e abbracciandosi. Lo spettacolo ha aperto con la tromba del musicista jazz Chris Botti. Si sono esibiti anche i cantanti Seal e Ricky Martin.
Nel bene e nel male «Victoria’s Secret» si è meritata un posto d’onore nella storia del costume e della cultura pop americana. A dieci anni dalla sua nascita, la celeberrima casa di indumenti intimi che ha rivoluzionato il modo in cui le donne americane - e i loro mariti e compagni - percepiscono la sessualità ha deciso di meritare rispetto. Per festeggiare il suo decimo anniversario, la maison americana ha organizzato una «mostra d'arte» dei suoi modelli più significativi e memorabili, che rimarrà aperta al pubblico sino al 22 settembre in Herald Square, tra Broadway e la 34? strada. «10 anni di sexy», questo il titolo, per spiegare, nell’intento, fra reggiseni, tanga e mutandine, la storia americana dell’ultimo decennio, dal Sexgate di Bill Clinton all’età dell’astinenza di George W. Bush.