E Trieste «rinfresca» il vertice

da Milano

Raffaele Agrusti verso la carica, nuova, di direttore finanziario delle Generali. Sarebbe questa una delle novità che accompagneranno, oggi, la presentazione del nuovo piano industriale della compagnia, aggiornato al 2009. Agrusti è oggi direttore generale.
Oltre al direttore finanziario, il rimescolamento della governance operativa prevederebbe anche la creazione di un super comitato dei diversi settori assicurativi del gruppo, da collocare alla diretta referenza dell’ad Giovanni Perissinotto. Non a caso ieri Perissinotto ha visto i vertici delle compagnie italiane del gruppo triestino: Ugo Ruffolo (Alleanza Assicurazioni), Luigi De Puppi (toro), Fabio Buscarini (Ina Assitalia) e Davide Passero (Genertel).
Il piano non avrà novità sull’acquisto delle minorities di Alleanza né sulla distribuzione del capitale in eccesso della controllata. Sul nuovo target di utile al 2009 il consensus degli analisti è di 3,4 miliardi, che si confronta con un obiettivo per il 2008 già aggiornato a 3,1 miliardi. Nel fissare i risultati da raggiungere i vertici delle Generali terranno conto di quel che è avvenuto nei primi 18 mesi di attuazione nel piano. Dall’acquisto di Toro, alla vendita di Nuova Tirrena, all’accordo nell’Europa dell’Est con Ppf.