E' troppo tardi. Anzi, perché no? Si può trattare

I finiani congiurano contro il presidente del Consiglio ma sono pronti a votare il Berlusconi bis

Metà novembre. Neanche un mese fa. Gianfranco Fini incontra Giorgio N a­politano e Gianni Letta, poi tara il suo me­tronomo: «Ora il Cavaliere pare intenzio­nato ad accettare ciò che gli avevamo chiesto e che ha rifiutato, il Berlusconi­bis. Ma le proposte politiche hanno un loro tempo e la nostra ormai è scaduta». Fine? Fine della presunta trattativa? Fini rincara la dose: «Se votassimo un nuovo esecutivo guidato dal Cavaliere la gente finirebbe per non capire più nulla».

In effetti, la giostra gira e Italo Bocchi­no afferma: «Per noi servono l e dimissio­ni, ma siamo disponibili a un reincarico anche 7 2 ore dopo». Il tempo per il Berlu­sconi- bis, dunque, non è scaduto. Si può fare, si può ancora fare, anche nell’arco di 72 ore. E Silvano Moffa scavalca an­che l’ostacolo delle dimissioni che i suoi compagni di Fli avevano innalzato sulla strada del Cavaliere: «Un nuovo patto di legislatura si può siglare anche senza le dimissioni del premier». Ricapitolan­do: Berlusco­ni bis mai, Berlusconi bis sì, e sì pu­re al Berlusco­ni Berlusco­ni. Berlusco­ni con rima­sto. Ma sem­pre incollato alla sedia di Palazzo Chi­gi.

Giuseppe Consolo, av­voc­ato e parla­mentare futu­rista, sposa le parole di Mof­fa: «Dal punto di vista politico Moffa ha ragione; le dimissioni non sono indispen­sabili se viene offerto u n patto di legisla­tura che rimetta in moto il Paese. Sono d’accordo con Moffa e con me, lo sono in molti». Molti?

Luca Barbareschi prende l a strada o p­posta, per di più nelle stesse ore, quasi in simultanea: «Siamo tutti coesi. Se esiste u n calciomercato? C’è e d è una cosa ver­gognosa. Berlusconi manca di serietà, pensa di avere a che fare con un gruppo di persone in vendita e invece di riflette­r e e fermarsi v a avanti con la logica muo­ia Sansone con tutti i Filistei». Insomma, la trattativa sul Berlusconi bis c’è o no? E chi lo sa. Però Carmelo Briguglio , altro colonnello finiano, è tranchant : «Non c’è nessuna trattativa. Siamo compatti e c’è unanimità nel chiedere le dimissioni di Berlusconi». Saranno pure «compat­ti » m a Briguglio e Moffa affermano l’uno il contrario dell’altro.