E Vietti rinuncia a correre contro Chiamparino

Michele Vietti non correrà per il centrodestra alle prossime elezioni amministrative a Torino. La disponibilità dell'esponente Udc a candidarsi contro il sindaco uscente Sergio Chiamparino è stata ritirata in seguito alla decisione presa ieri in un vertice a Roma fra il presidente della Camera Pier Ferdinando Casini, il segretario nazionale del partito Lorenzo Cesa, lo stesso Vietti, e il segretario regionale del Piemonte, Alberto Goffi. «Allo stato - si legge in una nota - non sussistono le condizioni per chiedere all'onorevole Vietti di confermare la sua disponibilità a essere il candidato comune del centrodestra alle prossime amministrative. Il presidente della Camera e il segretario nazionale hanno confermato a Vietti la loro stima e l'apprezzamento per il lavoro svolto anche in occasione delle ultime elezioni del Parlamento». «Il quadro politico locale e i ritardi con cui si è giunti alla ricerca di una soluzione di coalizione - aggiunge la nota - non consentono di esporre, con le necessarie garanzie, una candidatura autorevole quale quella del sottosegretario Vietti, preferendo riservargli ruoli di livello nazionale nella prossima legislatura».