Eads in altalena a Parigi

New York ha chiuso ieri su basi irregolari di riflesso ai recenti risultati elettorali. Cedono gli indici Dow Jones e S&P, mentre si rafforza il Nasdaq, grazie alle migliori quotazioni di Apple (più 1,5%), Nvidia (più 3,5%) e Broadcom (più 2,5%). Richiesta Cisco (più 9%), dopo la crescita di fatturato e utili. Realizzati i farmaceutici, per i timori che la maggioranza democratica possa imporre una riduzione dei prezzi dei farmaci: Merck e Pfizer cedono oltre il 2%. A Buenos Aires è iniziato il collocamento di Socotherm Americas, con la richiesta che ha superato 1,5 volte il quantitativo offerto. In Europa gli indici delle principali piazze chiudono intorno ai livelli di mercoledì. Oscillanti a Parigi le Eads, dapprima in crescita di oltre il 6% su voci, poi smentite, di capitali in arrivo dal Dubai; il titolo ha così chiuso in rialzo dell’1,1%. La cessione delle attività bancarie a un istituto danese ha messo le ali, ad Helsinki, al titolo Sampo, che cresce di oltre l’8%.