EasyJet apre la base di Malpensa

da Milano

La compagnia inglese low cost EasyJet ha inaugurato ieri la base di Malpensa (terminal 2), la sedicesima del proprio network. Il vettore si aspetta di trasportare più di 1,2 milioni di passeggeri dall’aeroporto milanese nei prossimi 12 mesi su 12 rotte, 3 nazionali e 9 internazionali; tre Airbus 319 saranno basati permanentemente a Malpensa. L’investimento determinerà la creazione di 100 posti di lavoro per piloti ed equipaggi e la creazione indiretta di altri 1.200 posti di lavoro nell’area. Secondo la compagnia, l’Italia è uno dei mercati a più alto tasso di crescita e lo scorso anno EasyJet ha lanciato 13 nuove rotte da/per l’Italia, mentre altre 12 sono state già annunciate dall’inizio di quest’anno. Attualmente Easyjet opera 40 rotte da 11 aeroporti italiani e l’Italia rappresenta ora il 5% del suo mercato. Nel 2006 EasyJet trasporterà complessivamente 35 milioni di passeggeri.
Nel corso dell’inaugurazione, l’ad di EasyJet, Andrew Harrison, ha detto che «i passeggeri italiani hanno avuto a che fare per troppo tempo con tariffe troppo alte e con un servizio di bassa qualità. Il nostro obiettivo è di cambiare questa situazione». Soddisfazione è stata espressa da Giuseppe Bencini, presidente della Sea, la società che gestisce gli aeroporti milanesi: «Malpensa si appresta a diventare un importante punto di riferimento per il nuovo traffico passeggeri generato dalle compagnie low cost».