Ecco come la classica abbatte le «barriere»

Torna il Concerto della solidarietà, «per una cultura senza barriere» (lunedì 4 dicembre alla Sala Sinopoli, ore 21). Alla seconda edizione, il Concerto sinfonico della Roma Philharmonic Orchestra, diretta dal maestro Stefano Trasimeni, è organizzato dall’Accademia dei Concordi, sotto l’egida del Ministero per i Beni e le Attività Culturali, da tempo impegnato a risolvere i problemi di accesso ai beni culturali italiani, dei disabili. Il concerto anche quest’anno si distingue per la particolare struttura ed articolazione del programma. In apertura il «Preludio Sinfonico» di Giacomo Puccini, opera profetica del giovanissimo musicista non ancora ventenne; segue un concerto per violino («Concerto per violino n. 4 in re minore», op.31) scritto da un grande virtuoso/compositore belga dell’Ottocento, Henri Vieuxtemps; interprete la giovane violinista Laura Marzadori. Nella seconda parte, che si apre con un brano del giovane compositore romano Stefano Taglietti, «Hymn for Children», si ascolterà una Sinfonia del grande Rimskij-Korsakov, la «Sinfonia n.2, Antar» op.9. L’ingresso al concerto, per inviti, è gratuito. Informazioni: 06.8542540.