Ecco dov’erano finiti i comunisti: alla tv su Internet

No, non è la Bbc. Né la Rai tivù, e neppure «Vremia», il telegiornale dei tempi d’oro sovietici (si fa per dire). Riposte le fanfare brezneviane, il Pdci si fa la tv in casa, anzi sul web: un po’ YouTube, un po’ Telecondominio libero. «Vogliono oscurarci», il ritornello ossessivo dei primi inserti filmati che si possono scaricare e vedere su «Pdcitv.it» (già il nome è un programma, di fantasia). Orgoglio comunista a chili, e il segretario Diliberto (nella foto) che lancia appelli come se fosse a Radio Londra: «Vogliono oscurarci, ma noi saremo la ricetrasmittente delle lotte, delle idee, dei comunisti... Facciamoci vedere!». Ecco dove s’erano cacciati i comunisti: su internet. Ma ieri sera alle 20 si sono fatti rivedere (stanno allegri e in buona salute).