Ecco dove si rischia di più

Per gli autobus la linea 57 (nel tratto a Quarto Oggiaro). Per i tram il 14, quando viaggia nel fondo di via Giambellino. Secondo gli autisti dell’Atm sono queste le linee più insicure dopo una certa ora delle sera. Una volta, raccontano, si potevano individuare facilmente. Oggi non si può dire lo stesso, il rischio di essere aggrediti mentre si è alla guida del proprio mezzo esiste su tutti gli autobus e tram che dopo le 23 viaggiano nelle periferie, in particolare nei quartieri dove è più massiccia la presenza di immigrati. Come la Barona, dove l’altra notte l’autista della «74» è stato aggredito dopo essere intervenuto a sedare una rissa scoppiata a bordo. Il limite spaziale, dicono i conducenti, è la circolare 90-91. Quando bus e tram escono da questa «corona» si corrono maggiori rischi. L’Atm spiega che le aggressioni per fortuna non superano i tre-quattro casi l’anno. Considerati i turni, la probabilità che ha ogni autista di essere ferito è dello 0,1 per cento. Ma non ci sono solo balordi e malviventi a prendere di mira gli autisti. È capitato anche - nel 2001, in zona Bisceglie - che due automobilisti aggredissero un conducente dopo che era scoppiato tra loro un diverbio per motivi di viabilità.