Ecco il filobus con le foglie che alle fermate si abbassa

Il «Cristalis» sta per entrare in servizio sulla linea 90-91. Ha un dispositivo di «inginocchiamento» che facilita la salita e la discesa. Ne sono già stati acquistati dieci

La sua livrea «verde con foglie» piace ai milanesi, che sono assuefatti all’arancione Atm. Sì, è un nuovo filobus: il Cristalis a breve in servizio sulla linea 90-91. Veicolo di nuova generazione davvero unico vuoi per la tecnologia d’avanguardia vuoi per il comfort di buon livello, con sedili ampi e comodi, e la frenata «dolce».
L’azienda di foro Buonaparte ne ha acquistati dieci dalla casa italo-francese Iribus: flotta che, nel tempo, continuerà a crescere perché, dice Atm, «ben si integra con il contesto della circolazione e della rete filoviaria». Rete che, tra l’altro, sta per arricchirsi di una nuova tratta, in sede riservata, da piazzale delle Milizie e piazza Zavattari.
Ma vediamo le caratteristiche del nuovo mezzo: lungo diciotto metri ha una capienza totale di 142 passeggeri di cui 30 con posto a sedere e, fatto non secondario, consente una maggiore accessibilità alle persone con handicap o, comunque, con limitate capacità motorie. Offerta, quest’ultima, resa possibile dall’altezza dal suolo che scende a quota 25 centimetri grazie a un disposito di «inginocchiamento» e che, ai fini della sicurezza, protegge con sensori e cicalini le operazioni di imbarco e sbarco delle carrozzelle: «Ulteriore testimonianza della volontà e dell’impegno dell’azienda tramviaria di creare un servizio che possa essere fruito da tutti, attraverso l’abbattimento delle barriere architettoniche» spiega Roberto Massetti, direttore generale della società.