Ecco la Galeotta: squadra con guardie e ladri

Da un'idea del direttore del carcere di Massa nasce la formazione che parteciperà al campionato di terza categoria. E' composta da agenti penitenziari e carcerati, che giocheranno insieme

Massa - Galeotta fu la squadra. E (alcuni di) quelli che vi giocarono. Come già nel carcere di Opera a Milano, e lì il nome scelto era un anelito di libertà (Free Opera), e nell'altro penitenziario milanese di Bollate, anche la casa circondariale di Massa la butta nel pallone. Con una formazione (la Galeotta, appunto) che è iscritta al campionato di terza categoria che domani dà il calcio d'inizio della stagione 2008-'09. La particolarità di Massa sta nel fatto che per la prima volta giocheranno insieme detenuti e agenti di polizia penitenziaria. Carcerati e secondini. Guardie e ladri dalla stessa parte del campo.

Insieme Qualche imbarazzo all'inizio c'è stato e ci sarà. Come racconta uno dei giocatori, Antonio Ciervo, comandante della compagnia dei carabinieri di Pontremoli. "Sono molto orgoglioso di fare parte di questa squadra - dice -. Dopo l'imbarazzo dell'inizio sarà importante far capire che in campo non ci saranno guardie e ladri, commissari e carcerati, ma solamente compagni di squadra. Uomini senza etichette che spero si rispettino reciprocamente".

Il direttore del carcere L'idea è del direttore del carcere di Massa, Salvatore Iodice. Un progetto, come i precedenti, che guarda al reinserimento dei detenuti all'interno della società. "Il resinserimento - spiega Iodice - oltre che dal lavoro, passa anche dallo sport: che insegna a rispettare le regole e a rapportarsi con gli altri". La rosa è composta da 32 giocatori: sei sono carcerati, 26 gli uomini in divisa tra carabinieri, poliziotti, finanzieri e agenti del penitenziario. I detenuti sono scelti tra quelli più meritevoli per condotta, e non per qualità tecniche specifiche. Per allenarsi (tre le sedute settimanali) e partecipare alle partite disporranno di permessi premio.

Il campionato Il calcio d'inizio è previsto per domani, ma il calendario ha regalato alla Galeotta un turno di riposo alla prima giornata così il via ufficialeè fissato per il 4 ottobre, non sul campo di casa (il Tirrenia ai Ronchi di Massa), ma sul terreno del Marina 2005. L'allenatore è Aldo Poggi, commissario degli agenti del carcere. A lui è arrivato l'augurio di Renzo Ulivieri, presidente dell'associazione allenatori: "Spero che questa idea possa essere davvero presa da esempio".