Ecco i 2.200 ex onorevoli a carico nostro

Cos’hanno in comune Massimo Cacciari, Raffaele Costa, Mario Capanna, Vittorio Cecchi Gori, Vittorio Dotti? Sono tutti, più o meno fugacemente, passati per uno scranno parlamentare. E tutti, dunque, fanno parte della schiera di ben 2200 ex deputati e senatori a cui paghiamo un assegno che parte da un minino di 3.108 euro lordi, destinati a chi abbia vissuto almeno una legislatura a Montecitorio o a Palazzo Madame. Può sembrare un assegno non così congruo: ma è quello destinato a chi si ritira in fretta dalla politica. Dunque si tratta per lo più di pensionati giovani, che percepiranno il vitalizio anche per decenni. Nella puntata di oggi un’altra porzione di parlamentari pensionati. Per ciascuno è riportato cognome, nome, anni di contributi versati, importo lordo dell’assegno e ramo del Parlamento: C per Camera, S per Senato.