Ecco i gioielli freschi di varo

COSÌ LE AZIENDE SFIDANO LA CRISI Doppio evento per Sanlorenzo, il nuovo sloop del gruppo Perini Navi e il 50 metri di Isa Yachts

Grandi novità nella fascia sei superyacht. A tre mesi dalla chiusura dell’anno nautico 2011-2012, e in attesa del primo evento della prossima stagione - il Festival de la Plaisance di Cannes - i cantieri affilano le armi e varano i nuovi modelli. Sono quattro le barche varate in una settimana da tre importanti costruttori.

SANLORENZO

Doppi festeggiamenti in casa Sanlorenzo: due i motoryacht (scafo planante) prodotti ad Ameglia (Sp. Due pezzi unici realizzati - come avviene da 50 anni - secondo le richieste e le esigenze degli armatori. Si tratta di «Silvie VI», 28,60 metri per 6,75 larghezza. È la terza unità varata della serie Sl94 presentata durante l’ultimo salone di Genova, e subito premiata come «Barca dell’Anno». Sono stati impiegati materiali pregiati come i legni rovere fiammato per le pareti e bamboo per le finiture dei bagni o, per le pietre, marmo travertino grigio e marmo damasco. «Silvie VI» può raggiungere una velocità massima di 29 nodi (26 di crociera). «Regine», invece, è il quindicesimo esemplare della serie Sl108 (33 metri di lunghezza, 7,40, 26 nodi di velocità) l’ammiraglia della linea di motoryacht plananti in vetroresina prodotti sempre ad Ameglia. Pareti e mobili sono in teak rigato decapato (di colore bianco), parquet in teak rigato con inserti in wengè. Il bagno armatoriale è caratterizzato dalla scelta della preziosa pietra Luna per il top dei mobili e per i pavimenti. L’azienda di Massimo Perotti ha lanciato recentemente il programma «Total refitting» per la gestione delle imbarcazioni ritirate dai propri armatori e per l’offerta ai nuovi, a partire dalla certificazione di qualità garantita dal Rina.

GRUPPO PERINI NAVI

Leader mondiale nella progettazione e costruzione di navi a vela e a motore, il gruppo viareggino annuncia il varo dello sloop di 30,65 metri «Xnoi» - nave a vela con scafo, sovrastruttura e piano velico in fibra di carbonio. Il varo si è si è svolta nei giorni scorsi nel cantiere Picchiotti di La Spezia. Progettata da Nauta Yacht Design di Mario Pedol e Massimo Gino, soddisfa le crescenti esigenze di mercato completando la gamma dei prodotti del gruppo Perini Navi, il cui core business è rappresentato da navi a vela da 45 a 70 metri, yacht a vela della linea Racing Line, Fast Cruising, progetti speciali, navi a motore Picchiotti della serie Vitruvius e imbarcazioni a vela di progettazione esterna in fibra di carbonio. Il gruppo, com’è noto, integra le attività di costruzione di navi a vela e a motore con le attività di Refit and Repairs, mettendo a disposizione di tutti i tipi di imbarcazione la vasta esperienza del cantiere. «Xnoi» - 4 cabine per ospitare fino a 10 persone - è disponibile già in estate per il charter nel Mediterraneo.

ISA YACHTS

Il cantiere di Ancona, infine, ha varato il 50 metri al quale l’armatore ha dato il nome «Belle Anna». Alla cerimonia del battesimo erano presenti, oltre all’entourage dell’armatore, tutti i dipendenti con le rispettive famiglie. Il sofisticato «Belle Anna», dallo scafo color beige e la sovrastruttura avorio, è un progetto dell’architetto Andrea Vallicelli e Isa Yachts, che hanno rispettivamente curato design esterno e architettura navale. Volumi enormi, performance eccellenti e consumi ridotti sono le caratteristiche principali di questa piattaforma che sta dando al cantiere di Ancona grandi soddisfazioni. Si tratta di un motor yacht dislocante a tre ponti con scafo in acciaio e sovrastruttura in alluminio che combina il nuovo profilo, al tempo stesso dinamico ed elegante, del progetto Isa 50 metri by Vallicelli, da cui scaturisce uno yacht moderno, sportivo, con una poppa molto elegante arricchita dalla versatile beach area, accessibile dalla spiaggetta di poppa grazie a due ampie porte arrotondate in vetro. Una cabina padronale e 5 cabine ospiti consentono al «Belle Anna» di ospitare 12 persone e 10 membri d’equipaggio. L’interior design è firmato da François Zuretti. L’imbarcazione è spinta da due Cat 3512C dalla potenza massima di 1230 kW e naviga a 16,9 nodi. Gli stabilizzatori Quantum garantiscono una navigazione agevole anche con mare formato. La consegna a metà di luglio.