Ecco i motori di ricerca alternativi

Gotuneed è il primo tridimensionale: consente di trovare notizie anche seguendo la traccia del tempo

Massimo Carboni

da Milano

Il meccanismo dell’associazione di idee è spesso il più efficace per chiarire l’entità del successo di un oggetto o di un'iniziativa. Ad esempio se si dice lettore mp3 molto probabilmente si pensa all’iPod, ormai dominatore del segmento, se si parla di aste on-line la mente va subito ad eBay. Se l’oggetto del disquisire sono i motori di ricerca è normale pensare a Google, vera e propria icona della categoria, in assoluto il motore più usato e conosciuto. Eppure il mondo dei motori di ricerca, sebbene soggiogato dallo strapotere di Google che ha determinato la nascita di nuovi neologismi come l’inglese «to google» o l'italiano «googlare» per indicare le «ricerche su web» e che da solo raccoglie l’80% delle ricerche in rete, presenta un panorama quanto mai variegato ed in continua evoluzione.
Gli antagonisti di Google infatti hanno da tempo abbandonato l’idea di misurarsi con lo strapotere dell’avversario non accettando lo scontro frontale, bensì sviluppando una specializzazione in tematiche o settori precisi, in modo da diventare dei motori di ricerca «verticali» che richiamano l’interesse di un pubblico altamente interessato a ricerche specializzate.
È il caso di Mammahealth.com (www.mammahealth.com). È un motore di ricerca dedicato alla salute in grado di perlustrare quello che Jeffery Deaver ha chiamato nel suo romanzo omonimo "profondo blu", ovvero quelle sezioni del Web che solitamente non sono facilmente accessibili agli spider dei motori tradizionali. La ricerca si svolge scandagliando a fondo siti dedicati proprio alla salute e alla scienza medica, a seguito di una qualunque ricerca, la pagina dei risultati comprende informazioni sui sintomi di una malattia.
Da notare, che il sito è direttamente derivato dal più noto Mamma.com, definito da molti, com'è facile intuire, «la madre di tutti i motori». Definizione impegnativa, che tuttavia trova una sua spiegazione proprio nel funzionamento di Mamma.com che esegue le sue ricerche incrociandole sui più noti motori di ricerca in uso sul web ed eliminando i doppioni. Un’opera di setaccio precisa e scrupolosa che paga, tuttavia, un alto dazio: le ricerche sono spesso molto lente a causa proprio della grande quantità di dati incrociati. Un altro particolarissimo motore «verticale» (che più verticale non si può) è Vinix.it (www.vinix.it). È dedicato agli operatori e appassionati del settore enogastronomico. Sempre in tema di vino e dintorni si consiglia TigullioVino.it di cui Vinix rappresenta proprio una costola. Molto verticale anche Quickslow (www.quickslow.it) motore dedicato a balli, danza e musica.
Ma la specializzazione ormai abbraccia davvero tutti i settori commerciali e no, tant'è che Godado, motore di ricerca multiforme con diverse "costole indipendenti", ha lanciato nel settore moda http://calzature.godado.it per trovare tutte le notizie possibili sulle scarpe e ricercare anche le migliori opportunità di acquisto. Non sarà verticale, ma è senz'altro molto particolare Gotuneed (www.gotuneed.com ) reclamizzato come il primo motore di ricerca a tre dimensioni. La tridimensionalità consiste nella possibilità di effettuare le ricerche su tre dimensioni: temporale, categorica e spaziale (when, what e where). Inoltre, la nuova versione del motore di ricerca, on-line nella versione beta, consente anche le ricerche testuali.