Ecco i privilegi dei nomadi

Per mantenere i rom il Comune di Roma spende quasi 26 milioni di euro l’anno. Una cifra che non ha pari nelle altre metropoli italiane. Nella capitale vivere in un campo attrezzato è un lusso soltanto per la collettività dei contribuenti, visto che gli «ospiti» non spendono un euro per gli alloggi, per luce e gas e per ricevere l’assistenza comunale in fatto di scolarizzazione e di asili nido. Un dato che stride con quanto accade - ma è solo un esempio - nel IV municipio dove oltre 800 famiglie romane non sono riuscite a trovare un posto per i loro piccoli negli asili nido del Comune. Ma nel vicino camping della Cesarina il Comune spende solo di affitto oltre 600mila euro l’anno per ospitare un centinaio di rom.
A PAGINA 50