Ecco i prodotti dell’istituto di credito (gruppo Bnp Paribas), ovvero le strategie per portare sul mercato offerte innovative a vantaggio del consumatore

È la risposta concreta alla legge del 2007 sulla «portabilità». Con l’aggiunta di un altro finanziamento

Bnl riconferma la propria vocazione a concepire prodotti innovativi attraverso una nuova offerta nel settore della portabilità dei mutui. Un tema attuale e che riscuote molto interesse tra le famiglie che vogliono migliorare le condizioni del proprio mutuo spostandolo in un’altra banca.
La proposta di Bnl, oltre a permettere di abbassare la rata del finanziamento e di continuare a godere dei benefici fiscali sul residuo del mutuo, prevede in opzione anche la possibilità di ottenere un finanziamento extra che consente, per esempio, di affrontare ulteriori spese quali la ristrutturazione della casa o l’acquisto di nuovi mobili o altro.
La novità - è in corso un’intensa campagna pubblicitaria - si chiama «Cambiamutuo Bnl», mentre l’opzione appena descritta è stata battezza «Cambiomutuo Extra Bnl». Partiamo dall’offerta principale.
«Cambiamutuo Bnl» è la risposta dell’istituto (gruppo Bnp Paribas) alla legge Bersani, entrata in vigore nel 2007, ma che ha richiesto alle banche diverso tempo per elaborare soluzioni effettivamente interessanti per la clientela. E quest’ultima caratteristica è concretizzata da tutti gli aspetti della proposta Bnl.
Innanzitutto perché permette ai clienti di altre banche di trasferire il proprio mutuo in Bnl e di modificarlo qui beneficiando dei tradizionali plus che la banca prevede nel settore dei mutui, il più importante dei quali è la possibilità di estendere la durata fino a 40 anni. Portando il proprio mutuo in Bnl, i clienti possono scegliere tra l’applicazione di un tasso variabile o quella di un tasso fisso, che permette di ridurre l’incertezza sul valore della rata nel corso del tempo.
Altro elemento distintivo di «Cambiamutuo Bnl» è l’accollamento totale delle spese notarili e di perizia necessarie per la portabilità di un mutuo da una banca all’altra.
Particolare attenzione merita l’opzione «Cambiomutuo Extra Bnl». Se è vero che i motivi principali per cui una famiglia trasferirebbe il mutuo in una nuova banca sono la necessità di abbassare l’ammontare della rata e quello di eliminare lo stress legato alla variabilità del tasso (se sceglie di passare da variabile a fisso), è anche vero che con la riduzione della rata del mutuo si può mirare a liberare risorse per nuovi investimenti. Per venire incontro a queste esigenze, Bnl offre la possibilità di richiedere un finanziamento extra fino a 100mila euro che usufruisce delle stesse condizioni previste per il mutuo.
La somma totale del mutuo e del finanziamento non deve superare l’80% del valore dell’immobile.
Ottenere questo finanziamento, inoltre, non pregiudica i benefici fiscali legati alla portabilità del mutuo. Questo perché il finanziamento extra non viene «unito» al mutuo: non viene cioè modificato, aumentandolo, l’importo del residuo. Se avvenisse questo, infatti, non si parlerebbe più di surroga ma di sostituzione del mutuo, con conseguenti perdite dei benefici fiscali connessi alla portabilità.
«Cambiamutuo Bnl» e «Cambiomutuo Extra Bnl» si inseriscono in una strategia della banca di portare sul mercato offerte innovative a vantaggio del consumatore.
Complemento ideale del mutuo Bnl è, in questo senso, l’abbinamento con il conto Bnl Revolution, che prevede la possibilità di prelevare gratis ai bancomat di qualunque banca in Italia e nel mondo, e l’eliminazione del canone mensile per i clienti di età inferiore ai 27 anni e quelli che effettuano operazioni solo attraverso Internet, telefono o gli Atm (solo nel caso di utilizzo dei servizi di sportello viene addebitato, una tantum, il canone mensile, indipendentemente dal numero di operazioni effettuate quel mese).
Un conto che semplifica la vita, e consente ulteriori risparmi, anche ai clienti di «Cambiomutuo Bnl» che non vivono o lavorano vicino a una filiale Bnl.