Ecco i roghi contro gli abusivi

Incendio di via Adriano, indagati dieci residenti: eravamo esasperati Sala: «Basta fomentare». Sardone: «Palazzo Marino non è intervenuto»

Dieci persone, tutti residenti del quartiere e incensurati, sono indagate per l'incendio doloso che lo scorso 4 settembre è divampato nel palazzo abbandonato di via Adriano all'angolo con via Mulas. L'edificio è diventato un dormitorio abusivo e dà rifugio a decine di senzatetto, clandestini e sbandati. Gli indagati, individuati dalla Digos, si sono giustificati dicendo di essere esasperati dal degrado e dalla criminalità, molto aumentati nella zona dopo l'arrivo degli abusivi. Nello stesso palazzo ad agosto una ragazza italiana è stata stuprata dall'ex, un marocchino irregolare con diversi precedenti. Secondo la polizia, l'intenzione dei residenti non era quella di far male ma di fare una «spedizione punitiva» a scopo dimostrativo. L'incendio infatti, che ha bruciato materassi e vestiti, è stato appiccato alle 17.30 quando lo stabile era deserto. Tra Giuseppe Sala e l'opposizione è polemica. «Il Comune doveva intervenire prima», attacca Silvia Sardone (Fi). «Clima preoccupante», ribatte il sindaco.