Ecco Jesse McCartney: in città arriva l’idolo del pop per ragazzine

Sulla scia dei vari Robbie Williams, Thake That, Boyzone, Backstreet Boys arriva in Italia l’ultimo nuovo idolo americano del pop per teenager. Accompagnato da folle di fan strepitanti, Jesse McCartney - che decisamente nulla ha a che fare con il mitico Beatle, Paul - inaugurerà questa sera il mese di «Luglio Suona Bene», la rassegna alla Cavea del Nuovo Auditorium-Parco della Musica, alle ore 21.
Lui, come da copione, ha 20 anni, è biondo, belloccio, si sa muovere e fa musica orecchiabile. È diventato famoso agli inizi del 2000 come membro della boy-band Dream Street e ha partecipato alla serie tv americana «Summerland».
Nel suo ultimo album, «Right where you want me», il giovane artista combina soul al rock più attuale. Sono passati due anni dall’uscita dall’esordio con «Beautiful Soul», l’album multi-platino e l’omonimo singolo che sono andati ai primi posti delle classifiche di vendita in Australia, Italia, Filippine e Taiwan rendendo popolare il nome di «Jesse Mac», come viene chiamato, alla stregua dei più affermati artisti locali. E in questo periodo, il ventenne cantante-autore-attore non ha mai smesso di esibirsi in occasione di premiazioni, sui set cinematografici e in concerti che hanno sempre registrato il tutto esaurito. «È stata una bella volata e tutto è andato al di là di ogni possibile previsione, sotto ogni punto di vista - ha dichiarato -. Gli ultimi due anni sono stati una corsa a perdifiato, estenuante ma estremamente appagante, e posso garantire che io ci ho messo ogni briciolo d’energia che avevo».
Una sana euforia, che si può percepire in ogni brano da «Right Where You Want Me». «Desideravo far fare alla mia musica un passo avanti, dar prova di crescita e maturità - dice Jesse -. È la differenza che c’è tra un ragazzo di 15 anni e uno di quasi venti. D’altra parte - continua - penso che anche i miei fan siano cresciuti. Io sono molto orgoglioso di questo lavoro».
Autore, cantante, attore, dunque, ad appena vent’anni il giovane newyorchese dimostra di sapersi muovere nel difficile mondo dello show business. «La gente mi chiede sempre, “Cosa ti piace di più, recitare o cantare?” - racconta -. Mi piacciono entrambe le cose, ma in un film quasi tutto è in mano ad altre persone, con la mia musica, invece, ho molto più controllo su tutto. Può fare un po’ paura, ma alla fine del lavoro, mi piace poter dire “queste sono le mie scelte”».
In occasione del tour italiano Jesse sarà accompagnato da Mafy, giovanissima attrice e musicista italiana.