Ecco il nuovo Progetto: più competitività con gli altri Festival

Il Progetto della venticinquesima edizione del Torino Film Festival (Tff), in programma il prossimo novembre, vanta «risultati di grande rilievo», ma ammette la «necessità di un rinnovamento», perché «la formula del festival richiede di essere rivista per migliorare (...) la competitività in relazione agli altri festival italiani che si svolgono nello stesso quadrimestre», cioè Venezia e Roma, che però - a esser pignoli come piace a Moretti - si svolgono, salvo un giorno di fine agosto, nello stesso trimestre: settembre, ottobre e novembre (per il Tff). «Il nuovo direttore - in maiuscolo, Ndr - dovrà impegnarsi nel rielaborare una formula (...) rimasta sostanzialmente immutata da molti anni. L'individuazione, per esempio, di un numero più limitato di sezioni (...) non potrà che favorire la comunicazione e la comprensione da parte degli spettatori», implicita e giusta ammissione che i festival non accettano tutto, ma accettano di tutto.