Ecco perché il giudice chiede di autorizzare l’arresto del deputato

Ecco il testo letto alla Camera: «Con lettera pervenuta il 10 maggio 2006, il gip del tribunale di Sanremo ha trasmesso alla Camera una domanda di autorizzazione all’esecuzione di una misura cautelare personale nei confronti del deputato Vittorio Adolfo, per concorso nei reati di corruzione per atto contrario ai doveri d’ufficio, turbativa d’asta aggravata e truffa aggravata. La domanda, congiuntamente con i relativi atti processuali, sarà trasmessa alla competente Giunta per le autorizzazioni».