Ecco perché queste vacanze scatenano il cattivo umore

È arrivato il momento di dire basta al nervosismo e alle facce grigie, alle litigate in aeroporto e, per chi si muove in auto, alle interminabili code al casello: è ora di ricreare quell’atmosfera natalizia di serenità e pace anche in vacanza. Ne sono convinti gli esperti, per quasi 7 su 10, infatti, gli italiani, dopo un autunno di lavoro e fatica, non sono più capaci di godersi neppure i meritati giorni di riposo, avvelenandoseli con litigi e ansie in grado di rovinare anche le ferie migliori nella città europea più trendy, come in una splendida baita di montagna.
È quanto emerge da uno studio promosso da «Aranciate Sanpellegrino», condotto attraverso 180 interviste a psicologi, sociologi, esperti di tendenze e opinion maker, su come gli italiani vivono le vacanze e sui consigli su come gustarle al meglio. Gli italiani in vacanza? Per il 67% degli esperti sono incapaci di godersele. E il motivo è che danno tutto per scontato, inseguono l’impossibile e vogliono «tutto e subito».
A proporre una soluzione sono gli esperti con la ’Gustosofià (la filosofia del gustarsi le vacanze con più gusto): un mix tra neonichilismo, buddismo zen e consigli dei nonni. In poche parole basta uscire dalla routine lavorativa grazie alla fantasia e alla capacità di stupirsi (66%) e vivere le ferie con maggiore semplicità (58%) all’imparare a seguire il proprio istinto, senza curarsi troppo di ciò che gli altri pensano di noi (28%), «fuggendo» dal divertimento preconfezionato (62%): ecco alcune delle regole che vanno applicate in ogni momento e situazione della giornata, in montagna come in città (67%). Secondo il 67% degli esperti intervistati gli italiani sono ormai incapaci di «gustarsi la vacanza», non riuscendo a trascorrere con la dovuta serenità i momenti natalizi di pace e convivialità. Tra le ragioni, in primis il dare tutto per scontato, cosa che rende incapaci di godere e apprezzare il meritato relax (83%), affiancato dalla ricerca costante di ciò che non si può avere (non tutti possono permettersi un esclusivo chalet a Cortina d’Ampezzo o un viaggio al caldo dei Caraibi) e dal cercare di ottenere tutto e subito (76% e 72%).
Per sei esperti su dieci (64%) un’altra causa è la ricerca di modelli di vacanza e mode «mediatiche» lontane dalla realtà e, in generale, il non apprezzare la «normalità» (55%). È sufficiente anche una pittoresca località alle pendici delle Alpi per gustare al meglio le tanto agognate vacanze natalizie. Basterebbe, per sette su dieci (71%), riuscire a ricavare il meglio da ogni situazione, ma anche vivere ogni momento con intensità (69%), assaporando fino in fondo anche una semplice passeggiata con le ciaspole, le caratteristiche racchette da neve, tra boschi e sentieri.
Il 65% degli intervistati afferma che bisogna cercare il lato positivo in ogni momento della giornata e per tutto il periodo natalizio. Questo spesso significa anche non immaginarsi e sognare cose impossibili e/o inarrivabili (57%), atteggiamento che non va confuso con la mancanza di aspirazioni, ma semplicemente nel vivere le vacanze in maniera più intensa ed essere a proprio agio in ogni circostanza (rispettivamente 46% e 41%) dal rifugio in montagna all’agriturismo, e alla volontà di «fuggire» dal divertimento preconfezionato (62%). Per vivere le vacanze con più gusto gli esperti consigliano la ’Gustosofià, consigli per riuscire a cogliere l’aspetto migliore delle ferie natalizie e allontanare il cattivo umore. Per vivere con più gusto le tanto agognate ferie estive, secondo gli esperti, innanzitutto basta affrontare anche gli inconvenienti con un sorriso in più (76%), riscoprire la semplicità (73%), imparare ad apprezzare le piccole cose (68%), cogliere il lato frizzante delle cose (65%).
Tutto va preso con «Gustosofia», cercando di essere se stessi (28%) in ogni contesto, genuini e «alla mano» (54%), imparando a rispettare da ogni preconcetto (33%), obblighi sociali o clichè che rischiano di compromettere i momenti di relax fondamentali per trascorrere con gusto le tanto attese vacanze natalizie.