Ecco perché è stato prosciolto

Nel dispositivo di assoluzione di Danilo Di Luca viene fatto riferimento al «grado di probabilità richiesto dall’articolo 3.1 del codice Wada». L’articolo in questione riguarda l’onere e i criteri della prova e dispone che «l’organizzazione antidoping» deve stabilire la violazione «con la sufficiente soddisfazione del collegio giudicante». La prova di colpevolezza, inoltre, deve essere «più grande del mero bilancio delle probabilità ma inferiore della prova al di là di ogni ragionevole dubbio». Bilancio delle probabilità che, secondo il Gui, non ha consentito di condannare Di Luca.