Ecco il piano ticket: la Regione lo smonta

La Regione smonta il ticket della Moratti. Secondo l’assessore alla Mobilità del Pirellone, Raffaele Cattaneo, «si rischia il caos» senza combattere l’inquinamento né il traffico: «Sono in attesa che Croci mi comunichi ufficialmente il piano, ma sulla base delle anticipazioni il provvedimento mi sembra mosso più dalla volontà di dare un segnale politico che di risolvere i problemi». Cattaneo dice che «febbraio è troppo presto», teme «costi superiori ai ricavi», ricorda che «l’inquinamento non si combatte con provvedimenti limitati alla cerchia milanese» e lancia l’allarme Ferrovie Nord: «È impossibile potenziare il servizio in tempi così brevi e non si può dire: “metto il ticket il 19 febbraio e poi arrangiatevi”».
Non una nuova tassa, ma un provvedimento per tutelare la salute, la replica di Palazzo Marino. Non un’altra tassa, dunque, ma un modo per migliorare la qualità dell’ambiente e dunque della vita in una città nella quale il Pm10 ha superato per 150 volte la soglia prevista di 50 microgrammi per metro cubo, rispetto al limite di 35 superamenti previsto dalla legge. Cifre da brivido, soprattutto se unite a quelle che attribuiscono al traffico il 72 per cento delle emissioni.