Ecco le proposte degli editori

Il Consiglio Federale della Fieg (la Federazione degli editori) ha approvato le «Proposte per la competitività e lo sviluppo dell'editoria quotidiana e periodica». Secondo la Fieg, per avere imprese editrici economicamente sane e forti - presupposto per un'informazione libera - sono necessarie regole per tutelare la concorrenza, assicurare la non discriminazione tra le tecnologie e favorire l'accesso ai mercati. Occorre - secondo il Cf della Fieg - rivedere alcune norme della «Gasparri»: includere le telepromozioni nell'affollamento orario, definire e delimitare meglio il Sic, prevedere limiti antitrust nella raccolta pubblicitaria televisiva e rivedere procedure e sanzioni dell'Autorità di settore per assicurare il rispetto delle regole. Tutto ciò è necessario, ma non è sufficiente. Occorre garantire la tutela della proprietà intellettuale dell'opera giornalistica sia nelle forme tradizionali (carta stampata) sia nelle forme digitali (Internet) e disciplinare la responsabilità dei siti editoriali su Internet.