Ecco la settimana di Cunego «Amstel, Freccia e Liegi per me»

CACCIA AL BIS Damiano cerca subito il bis oggi in Olanda. Tra gli avversari il chiacchierato Valverde

Il piatto c’è, la birra anche. E se è per questo l’appetito non manca, in particolare al nostro Damiano Cunego, che nella classica più importante d’Olanda - l’Amstel Gold Race -, spera di poter bissare il successo di un anno fa. Così, da queste parti, nei Paesi Bassi, un colle di 130 metri diventa una insidiosissima montagna. Eppure il Cauberg, con i suoi due passaggi e il finale (dopo 256 km, a soli 900 metri dall’arrivo) è il simbolo della corsa che per un nazione come l’Olanda vale quanto il Fiandre per il Belgio o la Roubaix per la Francia.
Il piatto c’è, fin che se ne vuole, ma da queste parti non mancano né i mulini né tantomeno il vento, che spesso fa la differenza assieme a tutti quegli strappettini, che sembrano innocui, ma alla fine ti riducono in uno straccio, a forza di scattare, controscattare e inseguire nella speranza di scappare. L’Amstel è alla quarantaquattresima edizione: 258 chilometri caratterizzati da 31 côtes per un totale di 44 km di salita e un dislivello complessivo di 2.256 metri. Non male per un Paese che ha più dighe che montagne. Conclusione sull'ormai tradizionale côte del Cauberg, l'ultima delle 31 in programma: 900 metri con una pendenza media del 5,8% e tratti che toccano il 12%, una rampa che lo scorso anno ha lanciato Damiano Cunego verso la vittoria.
E proprio il veronese sarà uno dei candidati al successo insieme al campione olimpico Samuel Sanchez, ai fratelli Schleck, al chiacchieratissimo Valverde (nessun imbarazzo per nessuno, lui corre tranquillo, in attesa che l’11 maggio sia giudicato dal tribunale Coni per l’Operacion Puerto, mentre in Spagna la magistratura ordinaria ha ancora negato le sacche incriminate agli inquirenti della federciclo, rischiando di far cadere tutto in prescrizione). E poi Rebellin, Scarponi e il giovane Ginanni. «Amstel, Freccia, Liegi: una di queste tre voglio portarla a casa. Qui l’anno scorso ho disputato una grande gara e sento di poter essere ancora protagonista. Sto bene, e voglio proprio togliermi una grande soddisfazione. Il massimo? Fare il bis all’Amstel e vincere la Liegi. Prima del Giro non sarebbe male...», ha detto Cunego.
Diretta tv su Eurosport dalle 15,15, su Rai Tre dalle 15.30.