Ecco il sito per risparmiare tempo e denaro

Anedda: «Nel 2006 ricevute oltre 45mila richieste»

L’informazione, innanzitutto, per operare i necessari confronti e decidere a ragion veduta. Proprio ciò che i motori di comparazione su Internet hanno reso disponibile, avviando una piccola rivoluzione nel modo di affrontare gli acquisti, piccoli e grandi, e stimolando i protagonisti del mercato alla concorrenza. Mettendo insieme un sito facile da navigare, un sistema informativo gratuito e una squadra di consulenti raggiungibili a un numero verde, così da far risparmiare tempo e denaro ai potenziali clienti, MutuiOnline ci ha creduto subito. E oggi è il primo broker di credito in Italia: il suo website propone, ponendoli a confronto, i finanziamenti di una quarantina di banche, evidenzia i costi nel dettaglio e promette di fornire un parere di fattibilità del mutuo nel giro di 48 ore.
«Ogni giorno - dice Roberto Anedda, responsabile marketing del gruppo Mol - il sito registra in media oltre 15mila accessi. Lo scorso anno abbiamo ricevuto più di 45mila richieste da parte di possibili mutuatari, intermediando una cifra superiore ai 650 milioni di euro, per circa 5mila operazioni complessive. La nostra struttura si compone di 300 persone, di cui 30 impegnate nell’assistere e consigliare chi ci contatta». Uno specchietto all’indirizzo www.mutuionline.it presenta quotidianamente i tassi migliori e le rate più basse per finanziamenti di 100mila euro: oggi il tasso fisso e il saggio variabile più convenienti per mutui a 10 anni si attestano al 4,90% e al 4,51%; e per lo stesso ammontare ma con durata del prestito a 30 anni, l’offerta più a buon mercato prevede rate mensili rispettivamente di 553 e 507 euro.
«Le proposte su MutuiOnline - spiega Anedda - sono più convenienti della media del mercato perché le banche hanno trovato nel web un canale alternativo, nel quale è d’obbligo mostrarsi competitivi: sebbene la quota dell’on-line sia ancora marginale rispetto al volume complessivo dei mutui, se ne riconosce la grande importanza nel formare un’opinione e nell’orientare i possibili clienti». E se fino a qualche tempo fa, con i tassi ai minimi, a molti la differenza tra la proposta in filiale e l'offerta sul web poteva sfuggire, oggi la voglia di capire e di scegliere sta diventando un must. «Constatiamo che la nostra crescita prosegue di anno in anno - aggiunge Anedda - e lo stesso accade per il traffico sul nostro sito, come pure per le richieste. Ci contattano per avere informazioni dettagliate, per capire bene come agire. Noi possiamo accompagnarli gratuitamente nella scelta, fino all’istruttoria».
Dall’Osservatorio MutuiOnline si evince nell’ultimo periodo una rincorsa al tasso fisso: se nel primo semestre 2005 le richieste di mutuo vedevano variabile e fisso rispettivamente al 70% e al 20%, negli ultimi sei mesi dello scorso anno le percentuali si sono quasi invertite, 43% contro 53%. «Oggi due terzi delle istanze si orientano sul tasso fisso, ma il grosso degli aumenti, ormai, è cosa fatta, e l’aspettativa di un ulteriore incremento non riguarda il lungo termine. Peraltro, l’inflazione resta contenuta e le prospettive di crescita economica sono positive». Cresce anche, senza soste, l’importo medio dei mutui erogati: da un valore di 110mila euro è passato in 18 mesi alle soglie dei 124mila. Però, nel medesimo periodo, complice il costo degli immobili, si sono dimezzati i finanziamenti concessi per oltre l'80% del valore dell’abitazione: «Con gli ultimi aumenti dei tassi di interesse - chiosa Anedda - l’ammontare da restituire è salito; e se la rata si alza, è giocoforza accontentarsi di finanziamenti un po’ meno consistenti».