Ecco le spiagge per una vacanza da cani

A quattrozampe le vacanze ci corrono incontro! Cosa c’è di più libero che stare distesi sotto un ombrellone, accarezzando micio o fido? Ora si può. Il 20 maggio esce la «Guida» che contiene oltre tremila indirizzi pet friendly di tutta Italia e aiuta a organizzare la partenza estiva insieme a loro. E se entrate in una spiaggia, in un ristorante, campeggio, e ci trovate un bollo con un gattino insieme a un cagnolino stilizzati, in mezzo alla scritta Amici365, quello è un luogo in cui potete gattonare insieme al vostro «corpicino» preferito.
Realizzato in collaborazione con la Royal Canin, il vademecum, che ha il patrocinio della Presidenza del Consiglio dei Ministri, con il sostegno del Ministro del Turismo, sarà disponibile gratuitamente in formato cd nei negozi specializzati e negli ambulatori veterinari non solo di Milano e Roma, ma anche Torino, Genova, Firenze, Bologna, Napoli, Verona e Palermo. Due le sezioni. «Amici in Vacanza», una selezione di strutture come hotel, campeggi, agriturismo, b&b, villaggi, spiagge; «Amici in città», mille indirizzi di locali tradizionali e di tendenza, enoteche, aree di sgambatura, Sos veterinari disponibili 24 ore su 24. Qualche nome. La trattoria «La Moretta» di Ancona mette già a disposizione per i cani la ciotola per l’acqua, crocchette e tappettino. I gatti sono particolarmente graditi, ma nella gabbietta. Nella spiaggia «Calambrone» di Pisa si potrà trovare un’area separata e attrezzata con docce per lavare fido, distributori di palette e sacchetti per raccogliere le deiezioni. Generalmente non sono gradite le femmine in calore per ragioni di... tranquillità.
E come prendersi cura in mezzo ai disagi di un viaggio dei nostri amici «senzienti», come sono definiti dalla Onlus nata nel 1995, ovvero esseri capaci di circondare l’uomo con emozioni e sentimenti? Nella «Guida» si trovano capitoli dedicati all’«Educazione e al buon senso»: un galateo di piccole ma chiare regole. Durante gli spostamenti ricordarsi di portare collare, guinzaglio, paletta, museruola, ciotola e scorta di cibo, tappettino e spazzola; prima del viaggio tenere a digiuno il cane e il gatto per almeno dieci ore; agganciare in macchina il trasportino al sedile; se il tragitto è lungo effettuate soste ogni due ore per far prendere alla bestiolina una boccata d’aria fresca o un po’ d’acqua, consentendogli magari di sgranchirsi... le zampe; portare con sè tutti i suoi documenti da quelli anagrafici, come il passaporto rilasciato dalle Asl per i «viaggiatori» che si spostano nei Paesi della Comunità Europea, a quelli sanitari; non scordate che ci sono persone che temono gli animali. Quindi: saperli gestire in modo adeguato è principio di rispetto sia verso gli umani, che verso l’amato «puffi».
Micio e cagnolino devono essere sempre identificabili, grazie al microchip inserito sotto la cute del collo. Esiste anche un’assicurazione che tutela i nostri amici durante la «traversata» vacanziera. E passiamo ad un dettaglio di... peso. Come confenzionare il suo bagaglio. Non scordarsi della copertina e del giocattolino che lo fa sentire sicuro come tra le pareti domestiche. Completate nei dettagli il kit dell’igiene: shampoo, spazzola, strumenti per la pulizia dentale, sacchettini igienici.
E il kit del pronto soccorso? Antiparassitari, antisettici per le piccole ferite, siero antivipera, medicinale antidiarrea, cerotti, lozioni per la pulizia degli occhi, pinzettine per pulci, zecche e schegge. Se viaggi con un gatto sono indispensabili i tovagliolini di carta e in caso di emergenza - ahinoi, che sopra ci mettiamo tanto sudore! - una mazzeta di giornali, nell’eventualità che sporchi nella sua gabbietta. Ora potete villeggiare. Gli accorgimenti più belli ci sono tutti. Ne manca solo uno. Se in vacanza siete distratti magari da qualche nuovo, piccolo o grande amore, non trascurate di riempire di coccole, come a casa, il vostro «mao» o «bao», perché potrebbe anche farvela pagare salata!