Ecco come Tursi «minaccia» di cambiare Genova in tre anni

Presentato ieri dall’assessore Guerello il piano dei lavori pubblici previsti in città nel periodo 2006-2008: in programma interventi relativi a piazze, strade, spazi verdi, edifici e viabilità

Fabrizio Graffione

Dal recupero di via San Vincenzo ai garage sotterranei di piazza Dante, dal recupero del mercato ortofrutticolo di corso Sardegna a quello dell'area Bocciardo di via Canevari. Sono una dozzina le proposte di intervento in project financing in fase di valutazione degli uffici comunali, mentre sono sette le «possibili nuove proposte di intervento». Ci sono poi altri lavori, anche minori, ma importanti per i cittadini genovesi, come il rifacimento dei marciapiedi e l'illuminazione. Tutti insieme formano il programma triennale dei lavori pubblici per il 2006-2008 che l'assessore Giorgio Guerello ha presentato ieri mattina a palazzo Tursi. La delibera della giunta comunale è stata già votata e sarà discussa dal consiglio comunale il 3 marzo. «Abbiamo elaborato il piano triennale - spiega Guerello - con molta attenzione alle esigenze dei cittadini. Sono state avanzate 209 proposte di modifica che, in gran parte, sono state accettate, e quindi siamo arrivati al documento finale. È stato un lavoro complesso, ma leale senza prevedere progetti faraonici, ma, al contrario, fattibili e utili per la città. Ci aspettiamo quindi che il programma avanzato dall'assessorato venga approvato anche in consiglio comunale».
Il quadro riepilogativo delle risorse per il 2006 prevede 76 milioni di euro per i fondi vincolati, di cui oltre 18 milioni per la metropolitana, 65 milioni per i mutui, 66 milioni per i fondi di bilancio, 39 milioni di fondi di capitale privato e 18 milioni reperiti da altre risorse. Per il 2007 rispettivamente 86 milioni, di cui 35 milioni per la metropolitana, 64 milioni, 115 milioni, 75 milioni, 5 milioni. Per il 2008 42 milioni, di cui 30 milioni per la metropolitana, 55 milioni, 9 milioni, 78 milioni, 3 milioni.
Le proposte in fase di valutazione già presentate sono l'area di San Vincenzo, salita della Misericordia e salita della Tosse con il loro risanamento e recupero con realizzazione di parcheggi, l'autorimessa interrata di piazza Dante, la manutenzione straordinaria del campo sportivo Gastaldi con parcheggio interrato, la realizzazione di box interrati in via Sampierdarena, la costruzione del mercato del pesce nella zona del promontorio San Benigno, la sistemazione pedonale e la realizzazione del parcheggio interrato nell'area Bocciardo, il recupero del mercato di corso Sardegna, l'ampliamento dell'impianto sportivo di via Borzoli, l'intervento per la residenza sanitaria assistenziale nell'area a mare di via Camozzini, il restauro di scalinata Borghese, il completamento del complesso sportivo nella valletta del rio Castagna in via delle Campanule a Quarto, i lavori di sistemazione area verde in via Tanini. Le «possibili nuove proposte di intervento» sono il sistema di parcheggi a Oregina, la realizzazione del mercato rionale coperto di piazza Tre Ponti a Sampierdarena, la ristrutturazione del mercato di via Bologna, la trasformazione del mercato ovoavicolo con destinazioni pubbliche e private, la realizzazione della sede scolastica con annessi impianti sportivi nella fascia di rispetto di Prà, la riqualificazione dell'intero areale e la realizzazione di un vivaio a scopi didattici al Bric Castellaccio di Pegli, la manutenzione straordinaria della depositeria di San Desiderio. Tra le circoscrizione dove il Comune intende spendere maggiormente quest'anno c'è al primo posto la Centro Est dove, in totale, le risorse ammontano a oltre 32 milioni di euro, poi la Ponente con 14 milioni di euro e la Centro Ovest con 11 milioni di euro.