Ecco tutte le coccole hi-tech per cani e gatti

Bei tempi quando al cane si davano gli «avanzi». E al gatto neppure quelli. Oggi, per adottare Fido, è necessario un fido bancario, tante sono le spese... Fuffi invece costa meno, forse perché (sostengono le malelingue) a livello affettivo i gatti sono tutta fuffa. Ad accomunare le coccole dei padroni verso i loro «amici a 4 zampe» (tra i quali è escluso il maiale, l’unico animale che ci dà veramente tutto... se stesso) è ora una vasta gamma di articoli hi-tech illustrati con dovizia di particolari sul sito del mensile Focus. Vogliamo così bene a cani e gatti che per nutrirli e garantire loro i gadget più confortevoli spendiamo 2,4 miliardi di euro l'anno. Negli Stati Uniti - dove si contano 77,5 milioni di cani (in Italia sono solo 6) -, l'industria degli animali da compagnia ha raddoppiato il fatturato raggiungendo la considerevole cifra di 48 miliardi di dollari, più o meno quanto l'industria cosmetica. Scopriamo così che, al prezzo di 2500 dollari, si possono rinforzare le deboli articolazioni (legamenti, tendini e tessuti) di Fido e Fuffi con apposite iniezioni di cellule staminali. Sempre in tema sanitario la Pfizer Animal Health ha messo a punto degli appositi farmaci anti-cancro per cani di età superiore ai 10 anni, e quindi considerati più a rischio. Sborsando 125 dollari si può invece ordinare alla società Wisdom Panel un test del Dna per il proprio bastardino; obiettivo: accertare, attraverso l’analisi genetica, di che razza sono gli antenati del proprio cane. Se poi il vostro problema è quello avere un cane troppo pauroso o stressato, ecco pronte le pasticche a base di valeriana e camomilla. Prodotti, questi ultimi, da non confondersi con la pappa per cani della terza età: un bel pappone con olio vegetale «benefico per le funzioni cerebrali dei vecchietti a 4 zampe». E che dire delle nanosfere deodoranti per cucce troppo puzzolenti? Costano tra i 25 e i 160 dollari e garantiscono di «assorbire lo sporco annientando i batteri responsabili dei cattivi odori». Cani sedentari e con la pancia? Ordinate, con fiducia, il «tapis rulant anti-obesità». Al limite potranno usarlo anche i padroni in sovrappeso. E chiudiamo in bellezza (si fa per dire) con la «toilette a 4 zampe»: bagni pubblici per cani per evitare ai padroni di raccogliere i loro escrementi. «Loro» dei cani, ovviamente...