Ecoblu: «Dove sono finiti i divieti di balneazione?»

Segnalare con appositi cartelli le zone con divieto di balneazione sulla base delle rilevazioni dell’agenzia regionale Arpa. È questo l’appello che il Comitato ecologista Ecoblu ha lanciato ai sindaci di Roma, Fiumicino e Ardea. «Da Fregene a Fiumicino - spiega Paolo Guerra di Ecoblu - da Ostia a Torvajanica e Ardea i bagnanti sono spesso all’oscuro dei possibili rischi che corrono. In merito a Ostia ho chiesto, sulla base della legge di accesso agli atti amministrativi, una copia dell’ordinanza di Veltroni in merito ai divieti di balneazione nel Comune di Roma. La richiesta, avanzata nel mese di maggio, non ha ancora avuto risposte adeguate in quanto molti uffici dicono di non esserne in possesso». Guerra aggiunge: «Forse che a Ostia non esistono più quegli inquinamenti delle acque marine accertati dall’Arpa nello scorso mese di aprile e oggetto di una apposita delibera da parte della Regione Lazio? Ecoblu chiede chiarezza al fine di poter garantire la tranquillità dei tanti bagnanti che si tuffano quotidianamente in mare in una vasta area del litorale romano riconosciuta dall’Arpa non balneabile nel mese di aprile».