7 domande per capire la nuova Europa

Ecco cosa è successo e cosa cambierà in Europa dopo il vertice Ue. <a href="/interni/salva-spread_allesame_vero_borse/01-07-2012/articolo-id=594958-page=0-comments=1" target="_blank"><strong>Intanto salva-spread all'esame (vero) delle Borse</strong></a>

1. I fondi salva-Stati (Efsf e Esm) basteranno contro la speculazione? Come faranno gli Stati a salvarsi se i soldi sono i loro stessi?
I due fondi salva-Stati hanno attualmente a dispo­sizione 440 miliardi (Efsf) e 500 miliardi (Esm) di eu­ro. L’Esm, però, dovrà ricapitalizzare le banche spa­gnole (impegno massimo 100 miliardi), rinegoziare il prestito greco e intervenire anche su Irlanda, Porto­gallo e Cipro. Alla fine su 940 miliardi potrebbero re­starne poco più di 700, oltretutto forniti dagli stessi Paesi Ue in difficoltà. L’intento è«spaventare»gli spe­culatori considerato che ad acquistare i bond sovra­ni sarà la Bce per conto dei due fondi.

2. Non sarebbe stato meglio affidarsi esclusivamente alla Bce cui spetterà la vigilanza bancaria Ue?
L’aver affidato al presidente Mario Draghi la su­pervisione del sistema bancario europeo e gli acqui­sti dei bond sovrani per conto di Efsf ed Esm è un se­gnale concreto di unità monetaria, economica e ban­caria. La Bce dei prossimi mesi assomiglierà sempre più alla Fed, ma per renderla uguale (facendola di­ventare prestatore di ultima istanza con la possibili­tà di stampare moneta in casi di emergenza) bisogne­rà cambiarne lo statuto che la vincola al monitorag­gio del tasso di inflazione in Eurolandia.

3. Ma il meccanismo «anti-spread» come funzionerà veramente? Si poteva insistere sugli Eurobond?

Il meccanismo non è automatico, ma quasi. Al raggiungimento di una determinata soglia di spread (300 punti sui Bund, ma secondo alcune fonti anche 200), il Paese «adempiente» - cioè coi bilanci più o meno in ordine - sottoscrive un memorandum d’in­tesa con Ue e Bce (non c’è l’Fmi per cui niente com­missariamento) a rispettare i parametri. Da lì in poi scattano gli acquisti della Bce per conto di Efsf ed Esm. Tuttavia, come ha osservato anche Renato Bru­netta, i 700 miliardi dei fondi non possono supplire a una visione veramente comunitaria del debito Ue. Solo con gli eurobond - avversati dalla Germania - e con una nuova Bce si possono evitare nuove crisi.

4. Ma i Paesi in difficoltà come l’Italia possono fidarsi di un’Europa che ancora decide lentamente in casi di crisi?

Il Consiglio Ue del 28 e del 29 giugno ha sostanzialmente get­tat­o le basi per una futura unione fiscale e bancaria oltreché mo­netaria. Entro la fine del 2012 le proposte dovranno confluire in un vero e proprio schema.Per l’economia contemporanea e glo­bale sei mesi sono un tempo molto lungo. Ecco perché un’unio­ne politica eviterebbe trattative estenuanti come le ultime di Bruxelles dove solo la spaccatura dell’asse Berlino-Parigi ha ga­rantito il successo al tandem Rajoy- Monti. Euroburocrazia e na­zionalismi, però, sono duri a morire. L’Esm ricapitalizzerà le banche spagnole.

5. È un buon segnale? Oppure bisogna preoccuparsi di un effetto-domino? «Le banche italiane sono solide», ha detto il vice­ministro Grilli. Ma,se l’Italia dovesse aver bisogno di una mano,non è altrettanto sicuro che l’Esm non pre­tenda la seniority ossia diventare creditore privilegia­to. L’Eurogruppo del 9 luglio dovrà far luce anche su un altro aspetto-chiave. Non è ancora chiaro se il via libera dovrà essere a maggioranza dell’85%dei Paesi Ue o all’unanimità. In quest’ultimo caso, la Germa­nia potrebbe bloccare aiuti non ritenuti congrui.

6. Il Consiglio Ue, incentrato sulla crescita, ha assunto decisioni concrete per rilanciare lo sviluppo del Vecchio continente? I 120 miliardi stanziati per lo sviluppo di nuove iniziative infrastrutturali sono in minima parte ri­sorse fresche. Di nuovo ci sono solamente i 10 mi­liar­di in più assegnati alla Bei per finanziare lo svi­luppo, mentre altri 4,5 miliardi saranno da desti­narsi ai «project-bond» per la realizzazione delle grandi reti. Il resto sono i soliti «fondi europei» già stanziati e con nessuna garanzia sulla capacità di spesa da parte dei singoli Stati. Infine, 120 miliar­di sono solo l’ 1% del pil Ue e quindi le ricadute po­trebbero essere limitate.

7. A conti fatti, è stata una vittoria di Mario Monti oppure una sconfitta di Angela Merkel? L’entusiasmo di molta stampa italiana e internazionale per il ruo­lo svolto dal pr­emier italiano è giu­stificato fino a un certo punto. È ve­ro che Italia e Spagna hanno otte­nuto un coinvolgimento diretto dell’Ue in funzione anti-crisi re­spingendo la proposta germano­finnica dei covered bond. Va tutta­via ricordato che sul fronte dei sal­vataggi anticrisi non sarà speso un euro in più di quanto previsto per i due fondi. E che il rinvio sine die degli eurobond viene rivendi­cato come un punto d’onore dalla cancelliera tedesca.

Commenti
Ritratto di unLuca

unLuca

Dom, 01/07/2012 - 09:41

La solita aria fritta; questa volta con una foglia di insalata nel piatto.

gtm

Dom, 01/07/2012 - 10:02

Credo che il prof Monti stia bleffando: crea una cortina di fumo europeo per poter consolidare la Sua credibilita' interna. Noi cittadini vogliamo essere rappresentati in Europa ed in Italia da un leader democraticamente eletto e non da un tecnocrate, per quanto competente, dei numeri. La politica non e' fatta solo di numeri, spread e derivati vari, ma di creativita', intelligenza, visione di lungo periodo, definizione degli interessi nazionali, lavoro, investimento etc.. Se i nostri interessi nazionali confliggono con quelli dei potentati finanziari, bisogna combattere i ns nemici e non abbassare la testa. gtm

Giulio42

Dom, 01/07/2012 - 10:11

Sono sette domande e relative risposte difficili da giudicare per chi non è ferrato in materia. Penso che Monti abbia fatto bene e il massimo possibile, lo dico perchè i tedeschi sono molto scontenti dell'operato della Merker e se non fosse stato per i voti trasversali sarebbe andata sotto. Quello che penso è che questo sia un ombrello, neanche tanto grande e resistente. Se sapremo correre ai ripari approvando al più presto le riforme sull' economia,i tagli alla spesa pubblica ed alla politica potremo avere il vantaggio a breve termine, di non dover pagare interessi capestro sui BOT.

analistadistrada1950

Dom, 01/07/2012 - 10:16

Non sono neppure entrato nel merito, mi limito a "leggere lo zeiteist" solo a livello epidermico e ne traggo segnali di ottimismo da ogni dove. Bene, stabilito che siamo in ritardo di 25 anni, quindici ante adozione e dieci di esperimenti a danno delle persone, ora dovremmo essere felici. Se è tutto così dorato e Monti è quel che appare e risulta, mi chiedo per quale ragione il caravanserraglio di tutti i Politici, di qualunque schieramento, con coda fra le gambe e capo cosparso di cenere non vadano a casa. Avevano bisogno del primo della classe? se così è, significa che tutti, nessuno escluso, sono incapaci sia di governare e men che mai di farlo insieme pur su posizioni contrapposte. Mi rimane la perplessità sul concetto di Patria e di quello di Bandiera; i militari impegnati in aree di guerra, per quale Bandiera stanno combattendo? Le coste Italo Europee, sarnno considerate tali in relazione agli sbarchi e ad ogni effetto successivo e conseguente?

Thefibber

Dom, 01/07/2012 - 10:40

e che sono 700 miliardi per la finanza internazionale? nulla....si rallenterebbe solo l'inevitabile discesa così. gli shortisti con i guadagni che continuano a correre continuerebbero a shortare mentre la bce comprando avrà polvere da sparo limitata :700 miliardi che nella finanza globale sono nulla. mi ricorda la fasulla difesa della lira da quello sciagurato di amato che ci fece bruciare migliaia di miliardi di riserve inutilmente. finiti i 700 miliardi la crisi si riaccentuerà. l'unica è una bce che stampi soldi a costo zero!! questo non solo ci farebbe risparmiare i 700 miliardi che vengono dalle nostre tasche ma farebbe immediatamente uscire tutta la UE dalla crisi. Gli Usa hanno sempre creato moneta dal nulla pesando sui cittadini solo con un aumento del'inflazione contrastato però da un aumento della crescita. noi invece dobbiamo spendere i nostri soldi per poterci riuscire. inutilmente

arkangel72

Dom, 01/07/2012 - 13:01

In pratica è stata messa una pezza. I 700 miliardi finiranno presto e la speculazione li farà bruciare ancora prima di arrivare a dicembre. La BCE deve stampare moneta da subito, non si capisce il motivo per cui si rimanda sempre questa decisione. Forse ci sono interessi troppo sporchi e personalistici che prevalgono e che non ci faranno uscire dalla crisi in modo definitivo.

compustela1860

Dom, 01/07/2012 - 14:35

Il gatto si mangiò la coda

cameo44

Dom, 01/07/2012 - 14:41

Oggi tutti a osannare il Prof. Monti per il successo avuto a Bruxel vediamo cosa cuccede lunedì mattina alla riapertura delle borse e poi come sempre passiamo facilmente dagli elogi alle critiche diamo il tempo di vedere gli esiti di questo summit che segue i prece denti 25 che non hanno avuto risultato alcuno le famiglie si attendono ben altro da Monti vogliono risolti i problemi che affliggano il nostro paese e quindi le famiglie dei lavoratori dei pensionati i giovani che oggi fanno tanta fatica ad andare avanti a trovare le risorse necessarie per l'indispendabile vedi la diminuzione dei consumi per la spesa i giovsni che non trovano lavoro anche se la Fornero sostiene che avere un lavoro non è un diritto e poi diciamola tutta se la Merkel ha ceduto un po è grazie alla scomparsa di Sarkosj e quindi la caduta del predominio Franco-Tedesco Monti ha i suoi meriti ma non ne facciamo un eroe al paese serve ben altro

carson76

Dom, 01/07/2012 - 15:49

insomma una bufala per usufruire dello scudo salva spread bisogna avere i conti a posto!!! il che vuol dire che lo stato deve tagliare e tassare. cioè la bce compra i nostri titoli solo in questo caso, usufruendo di un fondo però limitato. questo porta un beneficio immediato sullo spread ma non sull'economia. esauriti i paesi in difficoltà il fondo, si troveranno con le pive nel sacco e con un economia in sfaceli e la possibilità che lo spread schizzi a valori assurdi. è una bufala come lo sono i 120 mldi di euro!! parliamo di spread, come salvaguardia dalla speculazione, ma sulla crescita non c'è nulla. Questi sono dei criminali perchèsanno queste cose!! è assurdo insistere sull'austerity in caso di crisi, non è lo scudo della cippa ma solo il rilancio dell'economia la soluzione perchè questo aumenta occupazione rilanciando i consumi ed introiti per lo stato. Il sistema è sbagliato e questi criminali lo sanno. occorre cambiare regole economiche e politiche dell'europa o uscirne subito

Ritratto di tinycricket

tinycricket

Dom, 01/07/2012 - 17:08

Da quando è entrato in vigore l'euro l'economia italiana è andata sempre peggiorando. E questo è un fatto incontrovertibile. A quelli che dicono che se non entrava nell'euro sarebbe stato anche peggio, rispondo che è una semplice teoria che non potrà mai avere una controprova. Quindi o si prosegue per la via intrapresa, a testa bassa, senza far tesoro degli errori, o si cambia strada e si torna alla lira. Solo allora si potrà dire cosa è meglio. Ma questo passo, se mai si farà, andava fatto 7/8 anni fa.