Alitalia, Di Maio lancia una "newco" col Tesoro

Il ministro annuncia il piano per il rilancio di Alitalia: una "newco" con Ferrovie dello Stato e una quota del 15% a Cdp e Tesoro

Alitalia e Ferrovie? Un'unica compagnia. Lo ha annunciato Luigi Di Maio che in un'intervista a il Sole ha rivelato come il governo stia lavorando a una "newco" con la partecipazione di Cassa depositi e prestiti e del ministero dell'Economia con una quota del 15%.

"Arriveremo alla scadenza del 31 ottobre con una manifestazione di interessi con offerta vincolante per Alitalia", ha spiegato il ministro dello Sviluppo economico, aggiunngendo che non sono previste proroge per il prestito ponte da 900 milioni concesso dal precedente governo e che dovrebbe essere restituito da Alitalia entro il prossimo 10 dicembre. "Il ministero dell'Economia convertirà in equity parte del prestito con cui coprirà la quota del 15% di partecipazione nella Newco", ha aggiunto, "La nuova società avrà una dotazione iniziale di due miliardi che consente ad Alitalia di tornare competitiva e di avere nuovo slancio. Una dotazione che le consente di emergere dalla linea di galleggiamento".

Il piano del governo prevede inoltre un'altra società dedicata al noleggio e all'acquisto dei velivoli, che potrebbe essere finanziata da Cdp. Quanto alle sinergie con Ferrovie dello Stato, Di Maio ha spiegato che l'ingresso del gruppo "permetterebbe innanzitutto l'intermodalità": "Si potrebbe lavorare al biglietto unico treno-aereo. Un turista, quando arriva in Italia, potrebbe spostarsi in tutto il Paese", ha detto, "A me interessa la visione strategica industriale. Alitalia dovrà depurarsi di tutto quello che non ha funzionato". Sui possibili partner, il vicepremier non conferma e non smentisce le indiscrezioni circolate sui nomi di China Eastern e Delta. Anche Eni, Poste o Leonardo "se vogliono dare una mano su alcuni asset sarebbe interessante", ha osservato.

Commenti

rokko

Ven, 12/10/2018 - 12:43

Ottimo così affonderemo anche le ferrovie. Due in uno

Ritratto di 98NARE

98NARE

Ven, 12/10/2018 - 12:45

spiegatemi perché Ferrovie dovrebbe accollarsi quel CARROZZONE vuoto ed inutile di ALITALIA ?????? assumete i dipendenti in FS piuttosto se il pensiero è quello, senò chiudete quella azienda per sempre.... nessuno vola con loro come mai ???

Ritratto di gzorzi

gzorzi

Ven, 12/10/2018 - 13:12

Evvai, altri soldi buttati, tanto paga lo spread...

Ritratto di Friulano.doc

Friulano.doc

Ven, 12/10/2018 - 13:13

Alitalia è meglio venderla, anzi, svenderla. Se non siamo in grado di gestire una "compagnia di bandiera", meglio lasciar perdere. Oramai Alitalia è costata troppo al contribuente. Lasciate perdere!

Ritratto di stenos

stenos

Ven, 12/10/2018 - 13:28

Così tirano giù anche le ferrovie risanate. Alitalia va lasciata fallire, non c’è via d’uscita,

Marguerite

Ven, 12/10/2018 - 13:33

Nazionalizzare...ECCO UNA VERA PAROLA COMUNISTA !!!! Ne dubitavate ???

OttavioM.

Ven, 12/10/2018 - 13:44

Friulano.doc può darsi che sia meglio vendere Alitalia, ma in questo momento verrebbe svenduta ed è un peccato, meglio rimetterla prima in piedi e poi venderla bene. Per me il governo non sta facendo male, dopo si potranno valutare le altre opzioni.

Marguerite

Ven, 12/10/2018 - 13:46

Una « newco » ecco quanto non m piacciono quei buffoni che non parlano neanche l’inglese e ti mettono degli inglesismi da ogni parte !!, sopratutto che a parte il dialetto.. lo scugnizzo fa veramente brutta figura....già che non sa....l’Italiano !!! FIRST, LEARN ENGLISH AND THEN YOU CAN WRITE ENGLISH WORDS !!!!

INGVDI

Ven, 12/10/2018 - 13:49

Tutto normale, fanno parte della filosofia comunista pentastellata le nazionalizzazioni. E Salvini che fa? Si ricorda di essere stato anche lui comunista e si adegua.

roberto zanella

Ven, 12/10/2018 - 14:18

dimenticate che Berlusconi ha voluto salvarla ???

rokko

Ven, 12/10/2018 - 21:52

roberto zanella ok, hai ragione, ma ormai basta, guardiamo al presente.

nicangel

Sab, 13/10/2018 - 18:51

andiamo al voto vediamo sti 5 stelle quanti voti piglia.