Allarme della Cna, entro fine anno 3 milioni e mezzo senza lavoro

Un'analisi della Cna lancia l'allarme sulla situazione del mercato occupazionale

In quattro mesi il numero di disoccupati in Italia potrebbe salire di quattrocentomila unità. A rivelarlo è l'analisi del Centro studi della Confederazione nazionale dell'artigianato e della piccola impresa (Cna), che spiega come il rischio di arrivare a dicembre con tre milioni e mezzo di persone senza lavoro.

Il numero degli italiani che ha un lavoro, fermo a 22 milioni e mezzo, ha raggiunto il valore più alto dall'inizio degli anni Duemila. La Cna punta l'attenzione anche sui 548 milioni di ore di cassa integrazione autorizzate nei primi sei mesi del 2013 e le condizioni del mercato del lavoro, con l'occupazione in contrazione di 407mila unità rispetto allo stesso periodo del 2012.

Commenti
Ritratto di bergat

bergat

Ven, 16/08/2013 - 11:58

Ma è normale. Oramai sono 50 anni che siamo senza un timone stabile. Se poi andiamo ad analizzare tra gli occupati quelli che non svolgono il lavoro per il quale sono stati preparati (penso agli ingegneri, architetti, medici, etc che da decenni sono sottopagati e solo a provviggione per fare i venditori). Vi siete mai chiesti quanti dei laureati in ingegneria fa poi il lavoro da ingegnere nella vita? ...Meno dell'8% in Italia.

fcf

Ven, 16/08/2013 - 12:21

Ringraziamo sentitamente CGIL FIOM per il loro concreto contributo ad avere spinto migliaia di aziende italiane a chiudere e ad andare all'estero dove i sindacati fanno gli interessi dei lavoratori e non di "rifondazione comunista camuffata" da PD. lo statuto dei lavoratori e i sessantottini di comunista memoria hanno fatto il resto. Grazie compagni.

Giorgio1952

Ven, 16/08/2013 - 12:50

Un mione e mezzo sono quelli del contratto cin gli italiani, firmato dal cavalier Ganassa nel 2001, gli altri sono la co seguenza della crisi in atto dal 2007/2008, ma la colpa e' di Monti secondo il grande economista Berlusconi suffragato da Brunetta, il rigore ha provocato la recessione perche' la crisi era solo di natura psicologica, una fantasia!

AH1A

Ven, 16/08/2013 - 13:01

CGIL e FIOM non sono esenti da pesantissimi errori, ma non dimentichiamo chi, governando, chi ha portato a questa situazione, la stessa persona che risulta essere tra le più ricce d'Italia e di cui si tenta disperatamente il salvataggio. Chissà cosa diranno i nuovi 400.00 disoccupari di fronte a questo problema.

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 16/08/2013 - 13:04

Certo che Monti a fatto il massimo per creare disoccupazione. Aumento dei notai, invece dell'abolizione in favore di impiegati comunali. Tassisti raddoppio delle licenze a loro invece di dare licenze gratuite a chi ne facesse semplice richiesta .... etc etc

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 16/08/2013 - 13:06

Per creare occupazione bisogna tagliare le pensioni d'oro, eliminare tutti gli enti inutili, le provincie, le regioni e i piccoli comuni meno di 50.000 abitanti, licenziando tutti i dipendenti. A quel punto si avrebbe un risparmio di 200 miliard di euro e si potrebbe ridurre di 15 punti l'irpef ai dipendenti e alle aziende, portando l'iva al semplice 5%.

Ritratto di bergat

bergat

Ven, 16/08/2013 - 13:11

Ma chi intendi per cavalier ganassa? Prodi? si in effetti la dizione gli sta a pennello.

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 16/08/2013 - 13:15

Se continua così forse entro la fine dell'anno prossimo, arriveremo ad oltre dieci milioni di disoccupati se non di più, addirittura!

Ritratto di dbell56

dbell56

Ven, 16/08/2013 - 13:21

Nel leggere i post si resta allibiti nel constatare che parlano sempre e solo di Berlusconi e delle sue colpe che sicuramente avrà, ma non tutte, perbacco! Come se in Italia, dal 1945 ad oggi sia stato solo lui a governare questo stupidissimo paese che è l'Italia non ancora pacificata e rigorosamente ancora dicotomizzata tra guelfi e ghibellini. Urgono persone di buon senso che vadano oltre la situazione attuale e, soprattutto, misure economiche liberali urgentissime per evitare il default!

handy13

Ven, 16/08/2013 - 14:08

...e che sia chiaro,...se nel 2014 usciremo dalla crisi,..NON sarà certo per i provvedimenti di LETTA.!!!...mi meraviglio che un politico NON capisca che aziende che chiudono, vanno all'estero o mettono in cassa integrazione,.....POSSANO ASSUMERE un giovane perchè esentasse....RIDICOLO..!!!!!

Duka

Ven, 16/08/2013 - 14:12

E' purtroppo vero ed è un numero calcolato per difetto. Non tiene conto di migliaia di micro aziende artigiane che non godono neppure della CIG- Pare tuttavia che la preoccupazione maggiore di chi ci governa sia: Togliere di mezzo Berlusconi e Ingabbiare Renzi. Dei cittadini italiani ai Bersanov, Bindi, D'Alema, Cicchitto, Lorenzin, ecc,ecc. NON siano per nulla interessati.

Ritratto di PaoloDeG

PaoloDeG

Ven, 16/08/2013 - 14:37

Nonostante la disoccupazione, specialmente giovanile, aumenta, aumentano anche gli immigrali legali ed illegali! Quindi aumenta la povertà e la inequità! La colpa é dello Stato intero e di tutti i poteri pubblici a cominciare dal Capo dello Stato! Essi sono incapaci di amministrare la Res Publica ed anche incapaci di preservare rispettare e difendere le leggi fondamentali, che tutte le altre leggi devono rispettare Libertà Uguaglianza, Dignità umana é inviolabile! Basterebbe rispettare le leggi fondamentali affinché ci sia Giustizia, Civiltà ed automaticamente Progresso! Chi ha guadagnato molto o moltissimo ha portato anche soldi all’estero per sottrarli al fisco dissanguando ilk paese! Bisogna ricuperare anche le centinaia di miliardi che la criminalità organizzata, il crimine finanziario organizzato, il terrorismo anche islamico e sue reti di crimine organizzato e la corruzione, che facilita il radicamento del male, l’evasione e la fuga verso l’estero di capitali! Con quesri soldi si potrebbe lanciare Lavoro Per Tutti e risanare e ricostruire il paese intero! Ma é più facile che un cammello attraversa la cruna di un ago! O Patria mia che di catene hai carche ambe le braccia, senza l’Elmo di Scipio china la testa! Se io fossi il Capo dello Stato, Pro Patria Semper!

Giangi2

Ven, 16/08/2013 - 14:53

negli ultimi 20 anni abbiamo avuto 8 anni di prodi-dalema-Berlusconi e monti. non diciamo 20 anni di berlusoni. tutti hanno le loro colpe. La sinistra e' rimasta ferma agli anni 60 per quanto riguarda il lavoro, non tiene presente che oggi rispetto ad allora c'e' la globalizzazione e che ci piaccia o no esiste. la connseguenza della globalizzazione e' questa, l'imprenditore va dove i costi del lavoro sono minori, io da operaio dovrei dire che e' sbagliato ma quanti di voi di sinistra se aveste un'azienda e doveste pagare il 57% di tasse e un costo operaio tra i più alti del mondo non fareste la stessa cosa? dite di no? oppure quanti di voi sarebbero disposti ad assumere operai sapendo he il loro costo sarebbe di circa 2.800 al mese ciascuno,( e in tasca all'operaio ne va circa la meta')quando in romania oltre agli incentivi europei l'operaio costa solo 1000 euro tasse incluse. basterebbe prendere atto che purtroppo oggi il mondo va cosi e se vogliamo mantenere i livelli occupazionali bisogna dare all'imprenditore dei buoni motivi per aprire attivita' o rimanere in italia. purtroppo si fa il contrario e si vede gli imprenditori solo come sfruttatori ed evasiori fisali e meritevoli di essere stangati dal fisco, con la pretesa che devono stare zitti e rimanere per forza in italia.

Giangi2

Ven, 16/08/2013 - 15:03

ci beiamo dell'inflazione all'1% del decifit pil debito pubblico al 3%, intanto la disocupazione aumenta sempre di più, i giovani hanno il primo rapporto lavorativo a 30 anni e non definitivo, soggetti a contratti a termine anche a settimane. dopo 45 anni di lavoro a macchia di leopardo avranno messo forse da parte 20 anni di contributi e alla soglia dei 75 anni potranno anche andare in pensione per morire di stenti. mentre ci sono pensionati d'oro che fregandosene della cosa, prendono 95.000 euro mensili. vergognatevi politici tutti, fate qualosa per evitare questa ecatommbe pensionistica che si abbattera' sulle future generazioni. voi che fate per risolvere la cosa? proponete lo ius soli in modo che fra 40 anni avremo altri milioni di pensioni da pagare i cui beneficiari non avranno pagato un solo euro di contributo ma titolari di un diritto regalato per deficienza mentale dei nostri poco lungimiranti politici.

Giangi2

Ven, 16/08/2013 - 15:08

Inutile fare delle agevolazioni per 3 anni a chi assume un giovane, e i vecchi che invece non hanno lavoro perché l'hanno perso e non rientrano nelle categorie protette dalla cig? devono fare agevolazioni indiscriminate per chi assume, vecchi giovani uomini o donne senza distinzione. sgravi fiscali indiscriminati sul lavoro ecco quello che ci vuole, su assunzioni ma anche per chi gia lavora. si aiuta l'imprenditore a tenersi a galla e non licenziare operai, si incentiva ad assumere e si lascia qualcosa in più in busta paga agli operai per fargli spendere qualcosa in più.

Ritratto di stufo

stufo

Ven, 16/08/2013 - 15:09

Il lavoro nero sta diventando sempre più nero. Ce l'hanno pure con i poveracci, con la menata dell'evasione fiscale. Da noi la stasi mi sa che si è travestita con l'uniforme. Solo mendicare non è reato.

Ritratto di mark 61

mark 61

Ven, 16/08/2013 - 15:23

non date retta a queste notizie sono solo atti di terrorismo fatte dai signori della sinistra

unosolo

Ven, 16/08/2013 - 15:27

ora aggiungiamo anche i prepensionamenti che faranno dei dipendenti della P.A. , cosi facendo anticipando i pensionamenti aumentano la spesa INPS , non viene creato lavoro ma di fatto chiudono continuamente attività , attività che portavano soldi e lavoro , le troppe tasse come le accise e la IVA ferma lo smercio e diffonde insicurezza , nessuno verrà ad investire o rischiare su aziende che sono troppo cariche di tasse e compilazione strane di moduli che impegnano molto tempo . La legge impone anche ai piccoli di avere personale idoneo e preparato nei soccorsi e non basta anche i rappresentanti sindacali con tanto di spreco di ore lavorative con permessi retribuiti , tutto questo voluto dai sindacati per garantirsi le entrate anche dai piccoli anche se questi devono chiudere per le eccessive spese senza avere lavoro in cambio , pagare un operaio solo per fare attività sindacale porta solo uscite di denaro e niente lavoro , lo sanno tutti gli imprenditori .Basterebbe eliminare quella obbligazione per dare fiato agli industriali piccini ma volenterosi.

Ritratto di mark 61

mark 61

Ven, 16/08/2013 - 15:29

e i nostri politicanti parlano solo di primarie e grazie x i condannati

peter46

Ven, 16/08/2013 - 15:31

Giorgio1952 e AH1A...sicuro che,oltre al "Loro", voi non avete alcuna colpa di tutta questa disoccupazione?...tanti vi hanno visto mercoledì fare la spesa in tutti quei negozi di frutta e verdura di proprietà extracomunitaria che non pagano le tasse e ieri a comprare le cianfrusaglie e il "made in Italy"bis e tris nelle lenzuolate esposte in quel di .......(35 miliardi di evasione,dicono tutti quelli che si denunciano,per la statistica, alla cna di Mestre).Pensateci un attimo.....si dispensa dalle vis...dalla risposta.

damianoperoni

Ven, 16/08/2013 - 16:08

Basta digitare Francesco Biasion su un qualsiasi motore di ricerca e avrete un quadro del futuro... soprattutto per chi pensa che l'imprenditore sia quello col suv che va in vacanza a Cortina e paga in contanti...

Giangi2

Ven, 16/08/2013 - 16:52

Non solo, parlano anche di us soli e abolizione del reato di clandestinità, oltre che fare leggi contro la discriminazione sessuale . Tutto molto utile per l'economia italiana. I veri problemi possiamo lasciarli ai posteri 

chiara 2

Ven, 16/08/2013 - 17:01

Eppure c'è chi li vota ancora e difende. Si preoccupano da decenni solo di "uccidere il nemico" Berlusconi, gettare fumo negli occhi per ottundere la vista dei propri votanti (quelli che fingono di non sentire e vedere), ora si preoccupano solo di portare a casa i voti degli immigrati...E C'E' ANCHE CHI SI STUPISCE? mah

AH1A

Ven, 16/08/2013 - 17:17

peter46, capisco quel che sostieni, ma hai preso la persona sbagiata. Ho sempre pagato TUTTE le tasse ed ovunque vada pretendo lo scontrino o quant'altro si anecessario a livello fiscale. Sono solo uno che cerca di vivere in modo chiaro ed onesto, non sono ne di SX ne di DX condanno l'ostracismo CGIL come non posso chiudere gli occhi di fronte a quanto combina Berlusconi. Lo debbo ai miei figli.

peter46

Ven, 16/08/2013 - 18:08

Egr.AH1A...nell'ironico mio commento(figuriamoci se posso sapere il luogo di alcuno se non già indicato dallo stesso),purtroppo...c'è un fondo di verità,o no?Anche la richiesta dello scontrino non cambia il fattore 'disoccupazione'per i giovani e meno giovani Italiani...il problema è altro,e forse c'entra anche il metodo della rilevazione:ma parleremo in altra occasione,dato che il metodo fa solamente sorridere...ed è Europeo per giunta.AH!a proposito di Berlusconi(così sai che anche i tuoi commenti sono letti)nel tuo commento all'articolo di Zurlo"Il lodo del Quirinale":con l'affidamento il cav ritorna in gioco del 14/8....colpevole d'accordissimo,ma come altri,che però,hanno avuto un diverso trattamento,ma che soprattutto alla tua ..."ma come la mettiamo con gli altri processi?"...Io ti rispondo che non possiamo metterlo in carcere preventivamente,ma al termine dell'iter processuale,finchè vogliamo essere una "democrazia",o no?Viva sempre la partecipazione....NB.se non si è capito io sono per un cdx 'deBerlusconizzato'.

honhil

Ven, 16/08/2013 - 19:11

Una fabbrica che viene smantellata, e nottetempo portata in un altro stato membro dell’Ue, e i Marò che non si riesce a portare a casa, sembrano due avvenimenti distanti anni luce uno dall’altro. Sembrano. Ma non lo sono. Ad unirli strettamente c’è, più che se fosse un cordone ombelicale, infatti, l’inettitudine del governo in carica ed anche del precedente. Senza peraltro che la controparte (la Cgil per la Fabbrica e lo SME -Stato Maggiore dell'Esercito- per i Marò)sappia elaborare strategie vincenti. Quella perché non riesce a lasciarsi alle spalle una visione sindacale di fine ’800 e questo perché sembra sia ancorato ancora più indietro nel tempo. Di conseguenza, della fabbrica che orami non c’è più, si sentiranno per qualche giorno ancora i soliti tamburi di guerra rullare e poi il nulla: e la disoccupazione inghiottirà quelle maestranze. Mentre agli indiani i due Marò, a sentire le ultime di cronaca, non bastono più e vorrebbero mettere le mani su altri militari italiani. E c’è da scommettere che su questo punto faranno melina fino alla nausea. Eppure, l'inviato del governo fa l’”indiano” e pure il ministro degli esteri e entrambi, con una buona dose di faccia tosta, promettono il loro prossimo rientro. Cadono le braccia. I Marò sono in India da 541 giorni, abbiamo, sparsi per il globo a difendere la libertà degli altri tra i 6 e i 7 mila militari, Napolitano, con orgoglio, tutte le volte che si presenta l’occasione, sottolinea che è "Fondamentale l'impegno dei nostri militari all'estero", ma sia lui che il premier ed i ministri competenti, invece, di dire, con garbo e con fermezza, ai nostri alleati, che, senza una pronta e soddisfacente soluzione del “caso Marò”, richiamerebbero subito in Patria tutti i nostri militari, hanno scelto la via della trattativa soft, con l’India. Non solo. Per nascondere all’opinione pubblica, il pantano inestricabile nel quale si sono infilati, alzano il paravento delle promesse. Ma non è alzando le barricate, come fa la Cgil, o i paraventi del roseo domani, come fa la politica, che si risolvono i problemi. Ci vuole visione di gioco e tanta umiltà.

giottin

Ven, 16/08/2013 - 19:41

Ecco la luce in fondo al tunnel: io conosco un tale che lavora con il fratello e qualche dipendente ebbene per colpa dei dipendenti è stato costretto a fare degli adeguamenti molto onerosi, alla fine la commissione gli ha detto che tutto andava bene, ma una seconda commissione non era affatto d'accordo con la prima, avrebbe dovuto ancora spendere altro denaro per "adeguarsi". Sapete cos'ha fatto? No? Ve lo dico io: ha licenziato tutti i dipendenti e continuerà a lavorare solo con il fratello!!! Ecco la luce!!!!! Strabuffoni!!!!

giottin

Ven, 16/08/2013 - 19:50

Finalmente, ecco la luce in fondo al tunnel, sta abbagliando tutti. Vi racconto un caso: un tale ha una piccola azienda con il fratello ed alcuni dipendenti. Per colpa dei dipendenti ha dovuto spendere un sacco di soldi per "adeguarsi", alla fine la commissione disse che andava tutto bene, ma una seconda commissione non era per nulla d'accordo con la prima, avrebbe dovuto ancora spendere altro denaro sempre per l'"adeguamento". Sapete cos'ha invece deciso di fare? No? Ve lo dico io: ha licenziato tutti i dipendenti continuando però a lavorare solo con il fratello!!!!! E luce fu!!!!! Andate al diavolo strabuffoni!!!!

@ollel63

Ven, 16/08/2013 - 20:49

si ringrazino i sindacati, la sinistra forcaiola e distruttrice, magistratura sdemocratica e il capo dello stato.

Ritratto di LANZI MAURIZIO BENITO

LANZI MAURIZIO ...

Ven, 16/08/2013 - 20:58

SE I SINDACATI NON SI TOLGONO DALLE PALLE LE AZIENDE NON ASSUMONO. TROPPI IMPEDIMENTI E TROPPE TASSE SUL LAVORO, CHI E' QUEL PIRLA CHE HA IL CORAGGIO DI ASSUMERE SE POI UN DOMANI IL SINDACATO TI ROMPE LE PALLE SE DEVI LICENZIARE. BISOGNEREBBE SEMPLIFICARE TUTTO E RENDERE LI COSTO DEL LAVORO PIU' LEGGERO. SE LO STATO NON TAGLIA LA SPESA PUBBLICA HAI VOGLIA A CORRERE A DIETRO ALLA RIPRESA...

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Ven, 16/08/2013 - 21:21

intanto gli sbarchi dei clandestini continuano vengono in Italia per lavorare quindi ? .......

ron

Sab, 17/08/2013 - 08:50

Diciamo la verità questa disoccupazione è frutto dell'antiberlusconismo acuto che ha prodotto solo ODIO e depressione nei cittadini A forza di Odiare Berlusconi si andrà sempre peggio Se gli operai e gli impiegarti continuerannoa lamentarsi di quel misero stipendio da 1000 euro tra poco non avranno nemmeno più quello. Con la demagogia non si governa si affonda Il Gruppo espresso e repubblica hanno di gran lunga le loro colpe stanno affondando l'Italia prendendo il potere e rischiando di far scoppiare una guerra civile egitto insegna. Meditate gente meditate