Allarme Confcommercio: a febbraio ferma la crescita del Pil

Dal rapporto dell’associazione di categoria a febbraio ci sarà una decrescita del PIL dello 0,1 percento rispetto allo stesso mese del 2018

La situazione di permanente debolezza dei principali indicatori porta a stimare, a febbraio, una variazione congiunturale nulla del Pil mensile, dato che porterebbe ad una decrescita dello 0,1 percento rispetto allo stesso mese del 2018.

Lo afferma nel report Congiuntura, l’ufficio studi della Confcommercio, associazione di categoria che lancia l’allarme sullo stallo della crescita economica del nostro Paese e sottolinea che a dicembre la produzione industriale ha subito un ulteriore calo dello 0,8 percento su base mensile, al netto dei fattori stagionali, e del 5,4 percento su base annua. Nello stesso mese, l’occupazione non ha registrato variazioni di rilievo rispetto al mese precedente, mentre permane in moderata crescita nel confronto annuo (più 0,1 percento su base mensile, più 0,9 percento su base annua).

Secondo Confcommercio questa situazione stàcondizionando in negativo i comportamenti di consumo delle famiglie con una calo registrato dello 0,3 percento in termini congiunturali e un aumento dell'1,1 percento nel confronto con lo stesso mese del 2018.

Pertanto, secondo la Confcommercio, sulla base della dinamiche registrate dalle diverse variabili che concorrono alla formazione dei prezzi al consumo, per il mese di febbraio 2019 si stima, rispetto a gennaio, un aumento dello 0,1 percento. Nel confronto con lo stesso mese del 2018 il tasso d'inflazione dovrebbe collocarsi all'1 percento in modesta risalita rispetto a gennaio”.

Commenti

cir

Sab, 16/02/2019 - 18:35

basta aumentare del 5% tutti i prezzi , e triplicare gli stipendi dei vari dirigenti , parrucchieri e barbieri della camera e del senato , aumenta il PIL e anche il reddito pro capite dei disoccupati... possibile che la CGA di mestre non sappia suggerire queste " normalissime " manovre economiche ????

rokko

Sab, 16/02/2019 - 22:42

Secondo me le stime di Confcommercio sono estremamente ottimistiche.