Anche i nonni-salvagente costretti a chiedere prestiti

Quelle degli over 60 sono il 10 per cento delle richieste di finanziamento. E spesso è per pagare un altro debito

Pensionati in attesa in un ufficio dell'Inps

Un tempo grandi risparmiatori e àncora di salvezza per la famiglia in crisi, oggi ai primi posti nella classifica delle richieste di prestito. O forse gli unici, grazie alla sicurezza della pensione, a ottenere finanziamenti. Secondo gli ultimi dati, una domanda di prestito su dieci (il 9% del totale) arriva da un over 60. Il 13,4 per cento di loro chiede un finanziamento per pagare altri debiti e il 36 per cento fa richiesta di cessione del quinto della pensione.

Lo dice una ricerca condotta dal sito Facile.it in collaborazione con Prestiti.it che ha analizzato 30mila richieste di finanziamento da settembre 2014 a febbraio 2015. Il governo ha introdotto il cosiddetto "prestito vitalizio ipotecario", destinato agli over 60 che vogliono ottenere un finanziamento sfruttando il valore della propria abitazione, ma nel credito tradizionale le domande dei più anziani continuano ad essere molte: oltre il 9 per cento del totale, con un importo medio di 13.400 euro.

Il tempo di restituzione è abbastanza lungo: 67 mesi, equivalenti a cinque anni e mezzo. Le domande arrivano nel 72 per cento dei casi da uomini. Le richieste di cessione del quinto (della pensione o dello stipendio) invece, che permettono anche ai protestati di ottenere denaro anche se a tassi di interesse meno convenienti, sono il 36 per cento. Le motivazioni tra gli ultra sessantenni vanno dal bisogno di liquidità, alla ristrutturazione di casa, fino al consolidamento debiti, una tipologia di prestito che punta ad unificare tutti i debiti in corso sostituendoli con un solo finanziamento (nel 13,4% dei casi).

I prestiti per le spese mediche (5,9%) superano il numero dei finanziamenti chiesti per comprare un'auto nuova (4,7%); e quasi il 3% delle domande che specificano la motivazione è per un prestito per matrimonio e cerimonie. Nella concessione del finanziamento "gli over 60 sono mediamente più facilitati rispetto agli altri - spiega Mauro Giacobbe, ad di Facile.it - perché un lavoro stabile o la pensione tranquillizzano non solo il richiedente, che può quindi pianificare le spese più ingenti, ma anche le banche, che possono dare liquidità persino a chi ha avuto problemi di insolvenza".