Anche Seat ammette: "700mila veicoli da richiamare"

La controllata del gruppo Volskwagen ha ammesso di aver venduto auto con il motore diesel EA 189 al centro dello scandalo.

Dopo l'ammissione di Skoda arriva anche quella di Seat: le sue auto montano i motori EA 189. La controllata del gruppo di Wolfsburg ha ammesso che circa 700mila delle sue vetture hanno motori con il software anti emissioni. Rispetto al totale delle "auto infette" la quota Seat peserebbe per il 6% sugli 11 milioni totali.

Al momento non è ancora previsto un piano dei rientri anche perché la società sta cercando di valutare dove sono state distribuite le vetture nei vari mercati nazionali. El Mundo ha provato a calcolare dove possono essere finite le vetture considerando che fino al 2011 il gruppo operava soprattutto in Spagna. Tra il 2009 e 2014 Seat ha venduto 1,79 milioni di veicoli e di questi 428mila in Spagna. Considerando i modelli coinvolti secondo il quotidiano spagnolo si può stimare che i veicoli non a norma che circolano in Spagna sono circa 300mila.

In attesa di ulteriori verifiche il gruppo ha deciso di fermare le vendite nella penisola iberica dei veicoli che montano i diesel incriminati. Secondo Bloomberg i veicoli fermi al concessionario sarebbero 3320 e comprendono Seat, Vw, Skoda e veicoli commerciali Vw.

Commenti

franco-a-trier-D

Mer, 30/09/2015 - 18:58

PRESTO TOCCHERà ALLA ITALIA..