"Anche con tutta la flessibilità ​l'Italia rischia di sforare i conti"

Nuova tegola su Renzi. La Bce lo avverte: "L'Italia è tra i Paesi più vulnerabili a instabilità finanziaria"

Una nuova tegola cade sulla testa di Matteo Renzi. Dal quartier generale della Bce arriva, infatti, un avvertimento a dir poco preoccupante. L'Italia rischia di subire "un significativo scostamento dai requisiti" europei sui conti pubblici, "anche qualora si decidesse in primavera di accordare maggiore flessibilità al paese". Secondo le stime della commissione Ue "l'Italia non rispetterebbe la regola del debito né nel 2015 né nel 2016". Con queste premesse l'Eurogruppo ha rinnovato l'invito a varare le misure necessarie affinché il bilancio di previsione per il 2016 osservi le regole del Patto di Stabilità e di Crescita.

"I paesi con alti livelli di indebitamento sono particolarmente vulnerabili a un rialzo dell'instabilità nei mercati finanziari, per il nesso ancora forte tra conti pubblici e settore finanziario. Inoltre, la loro capacità di adattamento a possibili shock avversi è piuttosto limitata". Nel suo ultimo bollettino mensile la Bce inserisce l'Italia e altri sette paesi europei tra quelli più a rischio. Al governo guidato da Renzi l'istituto centrale chiede, quindi, "ulteriori sforzi di risanamento per condurre stabilmente il rapporto debito pubblico/pil su un percorso discendente". D'altra parte nel recente Fiscal Sustainability Report 20153, rapporto sulla sostenibilità delle finanze pubbliche del 2015, la Commissione europea aaveva rilevato che otto paesi dell'area dell'euro sono esposti a rischi elevati per la sostenibilità del bilancio pubblico nel medio periodo, dovuti soprattutto agli alti livelli del debito e a cospicue passività implicite. Tra questi c'è anche l'Italia. Per affrontare i rischi individuati occorre dare piena attuazione ai requisiti di aggiustamento. Su questo sfondo, le conclusioni adottate dal Consiglio Ecofin l'8 marzo sottolineano la necessità di "assicurare posizioni di bilancio sostenibili e rispettare le regole dell'Ue in materia di finanza pubblica". "Questi Paesi - avverte oggi la Bce - dovrebbero utilizzare i risparmi straordinari derivanti dall'attuale contesto di tassi di interesse modesti per costituire riserve e migliorare la capacità di tenuta a choc futuri".

Commenti

unosolo

Gio, 24/03/2016 - 11:10

saranno specialisti nel presentare il bilancio non c'è dubbio , la realtà è che lo Stato ha preso i soldi fermi e li usa per galleggiare , promozioni e assunzioni di personaggi con stipendi enormi e sopra ogni logica di rientro per lo Stato quindi solo in perdita ed ecco che la spesa è oltre il PIL , il debito sale , non vengono pagati i lavori e le imprese perdono soldi o chiudono , niente crescita produttiva , si evidenzia dalla pensioni che scendono continuamente questo mese 12 euro chissà per il prossimo.

linoalo1

Gio, 24/03/2016 - 11:17

Per me,la BCE,è sempre poco attendibile!!!Cosa aspettiamo ad uscire dall'Europa???Noi solo conosciamo la nostra situazione e,noi solo,dovremmo lottare per uscirne!!Certo che,finchè c'è Renzi con il suo Regime Sinistro,il Nostro Destino,purtroppo, è segnato!!!Rovina Totale!!!!

Ritratto di Flex

Flex

Gio, 24/03/2016 - 12:22

Si sforerà i conti semplicemente perchè non è stato fatto nulla per rimediare agli sprechi e sperperi in particolare della politica e della P.A.. Ci sono stati serviti solo dei "tarocchi" e i commissari della spending review miseramente cacciati. L'unica cosa portata a termine da questo governo sono l'aumento di tasse e il taglio dei servizi ma non certo l'ottimizzazione e la funzionalità degli stessi.

curatola

Gio, 24/03/2016 - 13:45

fin che la spendig r.passa dal governo l'aumento del debito è certo. tuttavia se cartolarizzassimo la quota oltre la meda dei debiti naxionali e facessimo certificare all'ue i veri pil nazionali l'italia non sarebbe la pecora nera.

aldoroma

Gio, 24/03/2016 - 13:50

E che dire ha regalato soldi a chi è simpatico a lui.....mentre ha tolto ai pensionati.... e ora come farà????? C'è sempre il bancomat pensionati.

guido.blarzino

Gio, 24/03/2016 - 14:55

Caro Draghi, già il 18 febbraio scrivevo che il QE all'Italia deve essere bloccato finché i nostri politicanti continuano ad aumentare il debito pubblico per il costo della PA,la sua disorganizzazione con doppio danno a carico degli Italiani prima per il costo e poi per il tempo che si perde, oltre al costo dei benefici economici di natura politica. Finché non si comincerà a tagliare la spesa pubblica, neanche 1 cent. Però caro Draghi questi dettagli sono noti da tempo a livello popolare: è inutile ripetere il refrain e poi agevolare l'incoscienza politica inventando il QE. Soluzione finanziaria certamente dannosa se non collegata a realtà vincolanti.

uccellino44

Gio, 24/03/2016 - 15:19

Mario Draghi, da grand'uomo qual è, ha rinunciato al "grado" di Presidente del Consiglio (purtroppo) per tentare di salvare l'Italia da Presidente della BCE! Purtroppo per lui, temo che il suo tentativo sia caduto nel nulla! Siamo destinati alla débâcle! Renzi dice, dice, dice di aver diminuito le tasse mente le Regioni e Comuni le hanno aumentate del 27%! Dice, dice, dice di aver soppresso gli sprechi...e qui lascio commentare! Doveva abolire il Senato, doveva far quello, doveva far quell'altro...! La catastrofe è sempre più vicina! E' meglio che i credenti preghino anche per i non praticanti!!!

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 24/03/2016 - 15:30

Il TITANIC affonda e l'ORCHESTRA continua a suonare, fino a quando???? Fino a quando a furia di spendere MILIONI per raccattare tutta l'Africa, non ci saranno piu soldi per pagare le Pensioni e gli stipendi pubblici, poi si vedra cosa succederà MAHHHH!!! Ma NOI NON CI SAREMO cantava Augusto Deaglio 40 anni FA. Se vedum.

Ritratto di hernando45

hernando45

Gio, 24/03/2016 - 15:31

REFUSO!!! Augusto Daolio non Deaglio come ho erroneamente scritto, chiedo umilmente scusa ai NOMADI.

pupism

Gio, 24/03/2016 - 16:05

Sinceramente non riesco a capire la UE. Se concede flessibilità (quindi più debiti) come pretende poi il rientro entro i parametri previsti del rapporto debiti/pil? Mah ......misteri di bruxelles

tonipier

Gio, 24/03/2016 - 17:16

"BISOGNEREBBE ESPROPRIARLI TUTTI I BENI... FINO ALLA SETTIMA GENERAZIONE QUESTI BUFFONI"

beale

Gio, 24/03/2016 - 19:04

nonostante i patti di stabilità e di crescita non c'è, in generale, nè stabilità, nè crescita.al caro Mario non viene il dubbio che qualcosa nella strategia non funzioni?a meno che stabilità crescita dei patti siano il falso scopo di tutta la manovra. noi cittadini siamo nella morsa tra il terrorismo e l'obbiettivo che la ue si prefigge che temo, facce della stessa medaglia. la democrazia è alternanza di maggioranze ed opposizioni non contempla classi dominanti. ci vuole un altro 25 aprile ma questa volta diverso, popolare non in nome del popolo.