Aumento Rcs in campo anche Exor

Prime adesioni ufficiali all'aumento da 400 milioni che Rcs dovrà effettuare entro giugno. Il cda di Mediobanca (13,7%) si è espresso a favore della sottoscrizione pro-quota e anche alla partecipazione al rifinanziamento delle linee di credito dell'editrice da 575 milioni. L'attuale esposizione di Piazzetta Cuccia è di 50 milioni.
Anche Fiat, per voce del presidente John Elkann, ha dato il proprio assenso formale alla ricapitalizzazione. «Il piano è credibile», ha detto il numero uno. Secondo indiscrezioni, il Lingotto sarebbe pronto a far scendere in campo anche la holding Exor quale nuovo socio sottoscrittore. L'inoptato dovrebbe comunque essere limitato. Molto probabilmente saranno della partita anche Italmobiliare e Unipol-Fonsai. Scontate, invece, le adesioni di Intesa e Mittel. Ancora in corso i lavori per la nuova finanza da erogare al gruppo. La sottoscrizione dell'aumento, infatti, è solo la precondizione minima per un accordo tra tutte le banche.