Bail in: cosa accade in caso di conto cointestato

Il tema del bail in preoccupa e non poco i risparmiatori. Il prelievo forzoso sui comnti correnti nel caso in cui la banca vada a gambe all'aria è uno spauracchio che ormai mette a rischio anche i correntisti italiani

Il tema del bail in preoccupa e non poco i risparmiatori. Il prelievo forzoso sui comnti correnti nel caso in cui la banca vada a gambe all'aria è uno spauracchio che ormai mette a rischio anche i correntisti italiani. ma ci sono alcuni casi che vanno chiariti come quello del bail in in caso di conto cointestato. Bankitalia ha spiegato che "il limite resta sempre quello di 100 mila euro per ciascun depositante", spiega Glauco Maggi su La Stampa. E fa un esempio chiaro: "Se due coniugi hanno un conto cointestato con un deposito di 200 mila euro, la somma sarà tutta al sicuro, perché s’intenderà divisa al 50% fra moglie e marito (100 mila euro a testa), e ognuno dei due depositanti godrà della garanzia.

Ma bisogna fare attenzione. Proprio perché si prende in considerazione il depositante e non il deposito, nel conteggio rientrano anche altri conti correnti che fossero aperti, sempre nella stessa banca, da uno dei due coniugi, o da entrambi in cointestazione. Se invece un depositante ha più conti aperti in banche diverse, il limite di 100 mila euro vale per ognuno dei conti che si posseggono. Quindi se due coniugi hanno, poniamo, due conti aperti in due banche diverse, e ogni conto ha un deposito di 200 mila euro, tutti i 400 mila euro sono protetti anche nel caso di "bail-in" di entrambe le banche. Infine nel limite si conteggia la quota del depositante sul deposito cointestato che, secondo le norme civilistiche, si presume paritaria tra i cointestatari.

Annunci

Commenti

Gaeta Agostino

Lun, 15/02/2016 - 09:25

Quest'Europa mi piace sempre meno. Rende me correntista, senza potere decisionale, dei danni che producono amministratori senza scrupoli e disonesti. E per colmo della presa per i fondelli, gli amministratori che hanno prodotto il disastro vengono anche pagati quanto sono cacciati via e indagati per bancarotta. Io i miei soldi me li metto sotto il materasso e chi se ne frega del bail-in.

NickByte

Lun, 15/02/2016 - 09:31

Purtroppo continuo a leggere questi articoli puramente accademici, ma non evdo nessuno che ha coraggio di dire le cose come stanno realmente. Per valutare la piena portata del Bail-In Dovete tenere conto di alcuni fattori. (1) la legge che regola il limite di garanzia può essere cambiata per decreto e ve la trovate con il nuovo limite (magari 10.000) la mattina che succede il Bail-In. (2) Mi piacerebbe sapere da dove prendono i soldi necessari a rimborsare i "garantiti". Il fondo non ha soldi e dovrebbe essere alimentato dalle banche stesse (comprese quelle che falliscono(!). (3) In caso di Bail-In in una qualsiasi banca, provocherebbe una corsa al salvataggio dei risparmi anche nelle altre banche con un effetto domino inarrestabile. - Conclusione? il Bail-In è stato pensato per ridurre al "proletariato" tutta la classe media europea che stata "alzando troppo la cresta". Cipro è stata solo una prova tecnica.

tormalinaner

Lun, 15/02/2016 - 09:55

Delle banche non mi fido più, ho già provveduto a tirare via dal conto la cifra eccedente i centomila euro e li ho messi in una cassetta di sicurezza non bancaria perchè in caso di fallimento della banca ti bloccano pure la cassetta di sicurezza.

Ritratto di nando49

nando49

Lun, 15/02/2016 - 10:13

Questa del "bail-in" è la prova inconfutabile che la UE non è dei cittadini europei ma delle banche e della finanza. Siamo considerati come le vacche da mandare al macello al momento giusto. Usciamo da questa Europa che ci sta portando alla povertà.

polonio210

Lun, 15/02/2016 - 11:41

Ribadisco quanto già scritto altre volte.1)Ritirare dal c/c il 70/80% del contante lasciando solo quello che serve per pagare bollette e utenze.2)Se non vi crea grossi problemi sospendere tutti i pagamenti delle bollette e delle utenze in c/c e pagare solo in contanti.3)Non usare o restituire il bancomat e la carta di credito,usare solo contanti per le spese(oggi limite per l'uso del contante è di 3000 euro).4)Vendere e monetizzare tutti i titoli in vostro possesso(meglio perdere poco oggi che tutto domani).5)Il denaro monetizzato trasformarlo in valute estere(franchi svizzeri,dollari usa,sterline inglesi,dollari canadesi/australiani)nella percentuale del 70% il resto in euro.

polonio210

Lun, 15/02/2016 - 11:52

SECONDA PARTE.6)Affittate una cassetta di sicurezza per conservare le valute estere ed euro in contanti(nei contratti,per il noleggio delle cassette,le banche impongono la clausola che non ci sia contante detenuto,ma la banche non possono sapere quello che voi ci mettete,perciò il problema non esiste).7)Quando venite contattati,dalla vs banca,per firmare documenti inerenti al vs profilo di correntisti,barrate SEMPRE le caselle più neutre e,alla fine,chiedete obbligatoriamente che vi rilascino la fotocopia,firmata dall'incaricato che vi ha intervistato,con tutti i passaggi da voi segnati,oltre che la copia che vi debbono consegnare per legge.

Ritratto di elkid

elkid

Lun, 15/02/2016 - 12:02

......la legge sul Bail in è una cavolata...è stata fatta solo allo scopo di smuovere l'economia---a far si che le persone non tengano i soldi fermi in banca ma li investano in qualche modo --case --terreni ecc- si è visto che nei paesi europei dove l'economia ristagna i correntisti accumulano...si cerca di invertire la tendenza spaventandoli- prosit

Ernestinho

Lun, 15/02/2016 - 12:12

E ci spieghino i ns. amati "politicanti", dove dobbiamo mettere i ns. sudati risparmi. Allora non è vero che "lo stato tutela il risparmio"! Aboliamo pure, già che ci siamo, anche questo articolo della costituzione (volutamente in minuscolo sia stato che costituzione, non meritano altro!)

Ernestinho

Lun, 15/02/2016 - 12:14

Ergo, se le banche rubano, le conseguenze negative sono solo dei risparmiatori! Bella conclusione.

ulanbator10

Lun, 15/02/2016 - 12:22

Ma secondo voi esiste una coppia di sposi o di parenti che tenga sul conto corrente 200.000,00 euro? Chi possiede queste cifre, in genere li investe in altri prodotti bancari( la remunerazione del conto corrente è pari allo 0,01%, cioè nulla. Non è che state dando una mano a certe banche per crearsi nuova liquidita' a costo zero? Perché invitare, tra le righe e depositare in conto i risparmi, per no rischiare, questo significa. E' invece molto piu' opportuno, per esempio investire in titoli di Stato del Regno Unito, che oltre a garantire meglio il capitale produce anche un interesse superiore al 2%.

Basta...rdi

Lun, 15/02/2016 - 15:09

Una cosa è certa: con il bail-in stanno costringendo a togliere i soldi dalle banche che, in altre parole, significa metterli in giro ed investirli, in cosa non si sa. Purtroppo molti potrebbero aver tale liquidità (ad. es. io sono stato licenziato e ho "negoziato" l'uscita) e, mentre cercano di caprire cosa fare, corrono il rischio di perderla. E con le banche che fanno venirti la tremarella, non ha neanche senso (come leggo nel post) tenerserli in una cassetta di sicurezza che, peggio ancora, non ti garantisce dal furto o scasso della stessa tra l'altro posta sempre in una banca! Insomma, lo stato non ti aiuta se perdi il lavoro, se ti trovi dei soldi onestamente guadagnati li investi in beni tartassabili (casa, azioni, ...) o li tieni a disposizione aspettando che qualcuno se li ...prenda. Quancuno potrebbe dire: "meglio non avere niente" ! Che fosse il vero segreto della feilicità?!