Banca Generali punta sull'innovazione

Al via una serie di incontri tra l'ad Mossa e i protagonisti dell'industria

La tecnologia sta cambiando sia il mondo della finanza sia quello dell'industria, creando nuove opportunità di business 4.0. La sfida è però capire come coniugare al meglio l'innovazione con settori per natura «tradizionali» come quello bancario, assicurativo o del commercio al dettaglio. Ecco perché Banca Generali, guidata dall'ad Gian Maria Mossa, ha deciso di coinvolgere alcuni big dell'imprenditoria nazionale in un ciclo di incontri moderati dal vicedirettore de il Giornale, Nicola Porro.

Ad aprire il dibattito è il presidente esecutivo di Eataly, Andrea Guerra, che si confronta con lo stesso Mossa - nella cornice degli uffici di Citylife a Milano, che tra poche settimane apriranno i battenti al gruppo Generali - tracciando i cambiamenti del retail nella sfida con la tecnologia: il video sarà disponibile da domani sul sito web de Il Giornale e su quello della stessa Banca Generali.

Se nei servizi finanziari il «fintech» avanza in modo pervasivo, ma costruttivo come sottolinea Mossa, anche nel largo consumo l'esperienza digitale Amazon docet - diventa predominante ma non fondamentale, come fa notare Guerra. Tanto che nello sviluppo di Eataly, lo stesso Guerra dice di essersi trovato al tavolo con diversi potenziali pretendenti non tanto provenienti da settore tradizionali della Gdo, ma dal mondo e-commerce. Nella discussione sulle nuove vie hi-tech per migliorare lo sviluppo economico, il numero uno di Banca Generali ha poi commentato le proposte per avvicinare il risparmio alle imprese, che sarebbero molto più efficaci se si trovasse una corrispondenza più concreta tra incentivi e domanda del mercato.

Il concept degli incontri e il confronto con realtà «esterne» al mondo della consulenza e del credito, nasce dall'idea di Banca Generali di guardare alle best practices internazionali di diversi settori per migliorare costantemente la qualità dei suoi servizio. La strategia di Mossa si basa infatti su un approccio aperto per cogliere le soluzioni all'avanguardia. L'incontro con personalità che hanno saputo creare modelli di successo grazie all'innovazione, risponde quindi alla logica della «contaminazione» che la rivoluzione tecnologica sta imponendo.