Banche, Borse a picco: Milano perde il 2 per cento

Si allarga il rosso delle Borse europee, zavorrate dalle vendite sui titoli finanziari. A farne le spese è in primo luogo Milano

Si allarga il rosso delle Borse europee, zavorrate dalle vendite sui titoli finanziari. A farne le spese è in primo luogo Milano, ieri maglia rosa di giornata, dove Ftse All Share cede l’1,94% e il Ftse Mib il 2,08%. In calo dello 0,95% Parigi, dello 0,8% Francoforte e dello 0,24% Londra. Tra le blue chip di Piazza Affari, male Banco Popolare (-3,76%), Bpm (-3,33%), Intesa Sanpaolo (-3,16%) e UniCredit (-3,1%). Dalla pubblicazione dei verbali della riunione del consiglio direttivo della Bce di fine luglio, avvenuta ieri, è emerso che la banca centrale europea ritiene che le recenti flessioni dei titoli bancari riflettano anche ’la continua debolezza di base della redditività bancarià dovuta alla crisi globale e ai tassi a zero, ma anche ai livelli, ’ancora molto elevati in alcune parti del sistema bancario dell’area dell’euro, dei prestiti problematicì, gli Npl, ’che continuano a pesare sui bilanci bancari.

La Bce ha anche rimarcato che ’queste vulnerabilità tendono a riemergere con ogni nuovo shock che rappresenti un rischio per la ripresa dell’economia dell’area. E questo nonostante il sistema sia in termini generali ’molto più solido rispetto alla valutazione complessiva dei bilanci bancari condotta nel 2014’. Tra gli altri titoli finanziari, giù Unipol (-4,05%) e Azimut (-3,92%), ma le vendite coinvolgono l’intero listino con Telecom Italia in calo del 3,52% e Cnh Industrial del 3,1%.

Commenti

vince50_19

Ven, 19/08/2016 - 13:24

Sarebbe una novità?

Blueray

Ven, 19/08/2016 - 15:09

Se non ci pensassero le banche con i loro titoli in rally chi penserebbe ai traders di breve periodo, poveracci? Oggi comprano domani vendono e così campano. Scherzi a parte, dalla Borsa di Milano è meglio star lontano! Risaputo a livello planetario.

Ritratto di Zagovian

Zagovian

Ven, 19/08/2016 - 17:48

...."ma anche ai livelli, ’ancora molto elevati in alcune parti del sistema bancario dell’area dell’euro, dei prestiti problematicì, gli Npl, ’che continuano a pesare sui bilanci bancari"....Grande novità!!...E le "immobilizzazioni" a bilancio a valori fasulli?....E i crediti "inesigibili",previsti recuperabili al 45%,ma in realtà,se va bene al 15-17%?....Non è ancora finita!!!!