Le banche greche: "Liquidità fino a martedì", Tsipras: "Tagliate il debito"

Il premier fa un ultimo appello e chiede un "taglio del 30% del debito greco e 20 anni di periodo di grazia"

Alexis Tsipras con due membri del gabinetto

Alle banche elleniche sono rimaste riserve di contante per appena 500 milioni di euro. Lo dichiara al’Telegraph’ il presidente della Camera di Commercio greca, Constantine Michalos. "Abbiamo informazioni affidabili in base alle quali le riserve di contante delle banche sono scese a 500 milioni, chiunque pensi che tornino ad aprire martedì sta sognando a occhi aperti. Il contante non durerebbe un’ora", ha spiegato Michalos, "siamo in una situazione molto pericolosa, le aziende greche sono state tagliate fuori dai trasferimenti elettronici del sistema europeo Target2. L’intera comunità economica greca non è in grado di importare alcunchè e senza materie prime non possono produrre nulla".

Le autorità greche sono state costrette a imporre controlli sui capitali dopo la convocazione del referendum sulle proposte dei creditori, che ha spinto la Bce a lasciare invariato, dopo ripetuti incrementi, il tetto del fondo d’emergenza Ela, che negli scorsi mesi era stato l’unico canale attraverso il quale Atene, tagliata fuori dai mercati e pressochè priva di riserve di valuta, era riuscita ad approvvigionarsi di liquidità.

ll premier greco, Alexis Tsipras chiede un "taglio del 30% del debito greco e 20 anni di periodo di grazia". Tsipras, in un’intervista televisiva, avanza questa proposta per assicurare la "sostenibilità del debito" greco e cita il rapporto del Fmi che stima le necessità "di finanziamento complessive di Atene a 50 miliardi di euro fino al 2018". "Il Fmi - dice Tsipras - ha pubblicato un rapporto sull’economia greca che è una conferma della nostra posizione e conferma un’ovvietà: che il debito greco non è sostenibile".

Commenti

magnum357

Ven, 03/07/2015 - 17:56

Uaaaahhhhahhhhahhhha, pensate che la kulona e i creditori siano contenti e d'accordo con Tsipras ? Cari Greci, se proprio volete darvi una martellata in testa votate pure si' e ve ne pentirete amaramente per il resto dei vostri giorni !!! Se voterete no all'euro, almeno avrete la chance di ripartire senza debito, no pagate più i creditori e potrete stampare una nuova dracma, da convertire con il rublo per far contento almeno Putin !!!

Ritratto di Gius1

Gius1

Ven, 03/07/2015 - 18:22

Non ho capito bene. La Grecia e´praticamente fallita e Tsipras fa ancora ricatti ? Ma lui il pane l´ha ? Che schifo di premier si sono scelti ? e´una vergogna

Anonimo (non verificato)

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Ven, 03/07/2015 - 18:47

tspiras, sono sicuro, mira al fallimento! non è un caso che varoufakis ha detto che dopo andrà in america a far soldi! un indice di mafiosità greca, e comunista!

Andreadivillarzino

Ven, 03/07/2015 - 18:49

Scene di ordinaria disperazione, uomini e donne come noi che non possono più accedere ai propri risparmi, alle proprie pensioni.... Lo specchio di una società che ha fallito guidata da una politica inetta. Siamo sicuri di essere sulla stessa barca?

Ritratto di falso96

falso96

Ven, 03/07/2015 - 19:45

Mi auguro che i Greci capiscano che è tutto terrorismo fatto dai "RICCHI o poteri forti" per NON abbandonare il soggetto € che hanno creato, e che ha portato "il popolo" alla fame, mentre loro .... sempre più ricchi..