L'Fmi fa tremare la Germania: "Deutsche Bank vulnerabile"

Alla base dell'esposizione delle banche e delle assicurazioni la scarsa trasparenza, l'ingerenza della politica e un modello di business non sempre al passo coi tempi

Banche o pallone? Lo scontro fra Italia e Germania in ambito europeo si gioca a molti livelli. Proprio mentre Angela Merkel fa la voce grossa con l'Italia e s'impunta a non voler rivedere le regole del bail-in, ecco che dal Fondo monetario internazionale parte un siluro che si dirige dritto dritto proprio contro le banche tedesche. A partire da Deutsche Bank, definita fonte di rischi per l'intero sistema finanziario globale, che sarebbe "il più rilevante contribuente netto ai rischi sistemici tra le banche di rilevanza sistemica globale, seguita da Hsbc e Credit Suisse".

Le banche tedesche sarebbero, secondo l'analisi del sistema finanziario germanico pubblicata ieri dall'Fmi, particolarmente vulnerabili ai bassi tassi d'interesse, ponendo un serio problema di scarsa redditività. Il sistema bancario della Germania, rileva infatti Alessandro Merli per il Sole 24Ore, è infatti contraddistinto da un alto numero di casse di risparmio e banche cooperative, che in molti casi seguono un modello di business tradizionale, con un gran numero di filiali e costi assai alti. Il valore delle loro azioni è precipitato.

Il rischio è che, se i tassi d'interesse si manteranno bassi come è ragionevole aspettarsi, gli istituti di credito germanici possano esporsi a rischi pur di cercare rendimenti, in misura molto maggiore di quanto rilevato nelle valutazioni del 2011 dello stesso Fmi.

Le banche tedesche, insomma, dipendono in gran parte dai margini d'interesse e questo schema non verrà modificato a meno di profonde ristrutturazioni. Che però, almeno al momento, non sono in vista. Anche e soprattutto per volontà politica: l'Fmi sottolinea infatti come "i progressi nel limitare le influenze non commerciali siano ancora limitati".

Il problema della trasparenza

Un altro tema spinoso è poi quello posto dalla reazione che spesso le banche tedesche oppongono all'autorità di vigilanza. Sovente infatti gli istituti di credito non mettono a disposizione tutti i dati necessari e in alcuni casi non hanno nemmeno adottato gli standard contabili internazionali in vigore.

Le preoccupazioni riguardano anche le assicurazioni

A finire nel mirino dell'Fmi, però, non sarebbero solo le banche. Anche il settore assicurativo, infatti, sarebbe assai esposto: fondando il proprio business su polizze vita a rendimento garantito intorno al 3%-4%, le compagnie di assicurazione tedesche hanno sviluppato un modello di business che in tempi di bassi tassi d'interesse non è più sostenibile.

Non è un caso, d'altronde, che banche ed assicurazioni germaniche siano state fra le più negative contro la politica dei bassi tassi d'interesse orchestrata dalla Bce.

Commenti

maurizio@rbbox.de

Gio, 30/06/2016 - 12:21

Dunque diventa essenziale prendere il potere e mantenerlo, per avere la certezza di essere in condizione di "socializzare" al più presto i problemi.

marygio

Gio, 30/06/2016 - 12:24

ahhhhhhhhhhhhhh. e manca la mazzata su wolkswagen. che ariiva....eh se arriva. ahhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhhh

Ritratto di bobirons

bobirons

Gio, 30/06/2016 - 12:24

Eh, eh, eh ! E poi il mondo si fa convincere che i krukki siano perfetti. Memento Europa germania delenda est !

lupo1963

Gio, 30/06/2016 - 12:27

Su questo i teeschi hanno perfettamente ragione.I tassi d'interesse bassi del trombone draghi danneggiano l'economia quanto l'austerity della kulona.

Lino.Lo.Giacco

Gio, 30/06/2016 - 12:32

con questo andazzo non vorrei che tra qualche anno anziche' lottare sullo spread o sul campo di calcio,si riaprono scenari gia' visti settanta ottanta anni fa! l'europa e' gia' ad un passo dal baratro.

agosvac

Gio, 30/06/2016 - 12:34

Che le banche tedesche fossero ad altissimo rischio compresa la principale, la Deutsche Bank, si sapeva. Ora bisognerebbe anche scoperchiare la Bundesbank che nel suo portafoglio ha una quantità enorme di bund acquistati perché nessuno li voleva!!! Ma non è tutto, un giorno o l'altro verrà a galla anche la truffa della disoccupazione ai minimi di cui è orgogliosa cruccolandia. Infatti, loro, i crucchi, considerano "occupati" anche quelli che hanno lavori saltuari, quelli che lavorano un mese in un posto ed un mese in un altro posto, di realmente occupati a tempo indeterminato ce ne sono pochi e niente!!! Per non parlare del loro debito pubblico che è molto più alto di quanto dicono!!!

agosvac

Gio, 30/06/2016 - 12:37

Per concludere, c'è un'altra cosa che farà tremare cruccolandia nel prossimo futuro, ma questa sarà una questione interna: i clandestini che la signora merkel ha voluto "accogliere" presto ridurranno alla fame gli stessi tedeschi che si verranno tolti molti soldini che prima spettavano a loro.

Ritratto di LordPBA

LordPBA

Gio, 30/06/2016 - 12:54

in pratica il FMI dice di licenziare

moshe

Gio, 30/06/2016 - 13:08

... troveranno il modo di mungerci soldi per riportarle in attivo. Abbiamo già dovuto sborsare miliardi per la Grecia, paese fortemente indebitato con la Germania, Germania che grazie a noi, poi si è comprata porti ed aeroporti greci !

Una-mattina-mi-...

Gio, 30/06/2016 - 13:49

Se essere pieni di rogne significa "essere vulnerabili", allora lo sono, eccome!

antipifferaio

Gio, 30/06/2016 - 14:38

Il bilancio tedesco è una truffa...le banche tedesche sono piene di titoli tossici e devono comandare loro? Qualcuno comincia a chiedersi se per ridurre la nostra schiavitù, ossia il debito pubblico non basta spostare alcune voci passive su investimenti a lungo termino come hanno già fatto i krukki. Invece noi pecore sempre a soccombere e a prostrarsi a un mostro marcio fino al midollo che ci sta succhiando l'anima. La cosa migliore a questo punto era investire in armamenti....tanto in questo sistema pazzo ha sempre ragione chi ha la pistola più grande....vedasi appunto americani!

blackbird

Gio, 30/06/2016 - 14:44

La Germania tremerebbe per le proprie banche? Siamo noi che dovremmo tremare! Tanto in un modo o nell'altro i tedeschi farebbero pagare al resto d'Europa il salvataggio delle banche teutoniche!

Ritratto di Ausonio

Ausonio

Gio, 30/06/2016 - 14:47

Che problema c'è? Le banche tedesche prima si mangiano Grecia, Italia e gli altri stati vassalli.

CALISESI MAURO

Gio, 30/06/2016 - 14:50

hanno svenato le nostre e spagnole banche per stare a galla aiutati dai nostri politici truffal...i, infatti come e 'da spiegarsi il fatto che appena seduti sul cadreghino subito si precipitavano a inginocchiarsi al di la delle alpi????:))

Ritratto di pasquale.esposito

pasquale.esposito

Gio, 30/06/2016 - 14:59

SI! IN GERMANIA STANNO TUTTI A TREMARE! LE BANCHE CHE SONO LE PIU GRANDI D;EUROPA! I POSTI DI LAVORO CHE SONO ARRIVATI A 43,5 MILIONI! LE PENSIONI!É CHE UN PENSIONATO TEDESCO HA AVUTO UN AUMENTO DEL 5% IN QUEST;ANNO! É UNA CATASTROFE IN CONFRONTO ALLA PENSIONI ITALIANE CHE DANNO AL 50% DEI CITTADINI MENO DI 500 EURO AL MESE PER VIVERE;MENTRE I TEDESCHI DOPO 40 ANNI DI LAVORO PRENDONO 1800 EURO NETTI! MA SI! IN GERMANIA STANNO TUTTI TREMANDO É LE FABBRICHE CHE CERCANO OPERAI A 3000 EURO AL MESE SONO TUTTE IN FALLIMENTO! MA CERTO CHE DI CxxxxxE NÉ SCRIVETE IN ITALIA!!!.

Ritratto di Loudness

Loudness

Gio, 30/06/2016 - 15:52

Ma quel maschiaccio di Christine Madeleine Odette Lagarde dov'è negli ultimi periodi?

cangurino

Gio, 30/06/2016 - 16:56

@marygio, in realtà la mazzata automobilistica è già arrivata. VW dovrà sborsare per i soli USA circa 15 miliardi di eurozzi, tra indennizzi ai proprietari di auto taroccate, risarcimenti agli enti governativi e per danni all'ambiente. Se dovessimo fare le proporzioni tra auto taroccate vendute in USA ed in UE, saremmo intorno ai 100 miliardini di sanzioni complessive, ovvero azzeramento del patrimonio netto VW. Per motivi misteriosi (!!!), in Italia ed in NEuro-pa , tutto tace, come avvolto da una fittissima nebbia omertosa.

cangurino

Gio, 30/06/2016 - 16:56

Per le banche, invece, funzionerà allo stesso modo, proprio come con la Grecia, guadagni a Germania per armamenti e rendimenti bancari, danno ripartito democraticamente all'UE. Che bischeri gli inglesi, che se ne vanno da questa meraviglia. Noi siamo fuuuurbiiii

unosolo

Gio, 30/06/2016 - 17:34

da noi le pensioni scendono sempre da cinque anni , e poi dicono male della Germania , abbiamo avuto governi scemi che hanno solo dato retta alla UE , paura di creare lavoro quello che rende ricche le nazioni , in cambio abbiamo chiesto solo soldi , il debito sale , il governo nega , la INPS perde soldi in mega uffici e dirigenti , pensionati derubati , risparmiatori derubati proprio da un governo ladro che doveva tutelare certi furti con adeguati controlli che nessuno ha fatto e nessuno degli organi addetti al controllo paga i danni , certo il governo amico emette decreti e salva banche , CDA e gli organi che hanno nascosto i danni.meglio uscire ma non dalla UE da questo governo ladro.

Ritratto di lucabilly

lucabilly

Gio, 30/06/2016 - 23:17

Il male assoluto è la tedeschia e il suo sistema clientelare cosi capillare. intanto l'inviso Renzi si è portato a casa un accordo eccellente sulla banche nostrane.