Il Banco tra Agos e nuovo capitale


Il Banco ieri ha recuperato quota 1 euro guadagnando il 2,45 per cento. Il titolo dell'istituto guidato da Pier Francesco Saviotti non ha risentito del giudizio negativo di Mediobanca Securities che ha tagliato il rating da neutral a underperform e il prezzo obiettivo da 1,2 a 0,95 euro. Gli analisti hanno abbassato le stime sul 2014 e sul 2015 e ritengono che l'istituto avrà bisogno di un'iniezione di capitale da 1,3 miliardi se vorrà riportare il Core Tier 1 allo stesso livello di competitor come Ubi e Bper. Secondo il report, nel caso di un peggioramento della qualità del credito il Banco ha pochi margini di manovra da sfruttare. È vero che la cessione del 39% di Agos-Ducato potrebbe portare dei benefici, ma difficilmente il socio Crédit Agricole comprerebbe. La Borsa, per ora, non sembra preoccuparsi.