Bankitalia, nuovo record del debito pubblico

Secondo i dati di Bankitalia, il debito del nostro paese è salito di 33,4 miliardi di euro rispetto al mese precedente, raggiungendo quota 2.074,7 miliardi

Nuovo record del debito pubblico.Secondo quanto spiega la Banca d’Italia nel Supplemento al Bollettino statistico dedicato alla Finanza pubblica, nel mese di maggio il debito del nostro paese è salito di 33,4 miliardi di euro rispetto al mese precedente, raggiungendo quota 2.074,7 miliardi. Tale aumento, spiega Bankitalia, riflette principalmente l’incremento di 20,4 miliardi delle disponibilità liquide del Tesoro (che hanno raggiunto 62,4 miliardi, contro 35,8 nel mese di maggio del 2012) e il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche del mese (11,5 miliardi).

Nel mese di maggio la quota di competenza dell’Italia dei prestiti erogati dall’Efsf è stata pari a 2,9 miliardi (complessivamente tale quota ha raggiunto 30,9 miliardi). Nei primi cinque mesi dell’anno l’incremento del debito (86,1 miliardi) riflette sostanzialmente il fabbisogno delle Amministrazioni pubbliche (58,1 miliardi) e l’aumento delle disponibilità liquide del Tesoro (28,0 miliardi). Alla crescita del debito nei primi cinque mesi del 2013 ha contribuito per quasi 7
miliardi il sostegno ai paesi dell’area dell’euro in difficoltà, comprendente la quota di competenza dell’Italia dei prestiti erogati dall’European Financial Stability Facility, pari a 4 miliardi, e il versamento effettuato in aprile della terza tranche per la sottoscrizione del capitale dell’European
Stability Mechanism pari a 2,9 miliardi. Tale sostegno complessivamente ha raggiunto 49,5 miliardi.

Per quatno riguarda invece le entrate tributarie, queste, nei primi cinque mesi del 2013, sono state pari a 143,171 miliardi di euro, lo 0,7% in più rispetto al periodo gennaio-maggio 2012. 

Commenti

Mercutio

Mar, 16/07/2013 - 10:50

Se il pil continuerà a scendere, continuerà pure a salire il debito, nonostante i tagli e le nuove tasse: è semplice aritmetica.

gigi0000

Mar, 16/07/2013 - 10:54

Sciocchezze, niente d'importante a fronte dell'insulto di Calderoli o dell'espulsione della kazaka ricercata. Se poi qualche altro imprenditore si suicida, centinaia di aziende chiudono ogni giorno, pensionati e famiglie muoiono non avendo soldi per curarsi e per mangiqare, ... Chissenefrega, un leghista avrebbe offeso una ministra del cavolo.

max.cerri.79

Mar, 16/07/2013 - 11:07

se spendiamo 5000 € al mese solo di parrucchiere x ogni quota rosa, senza contare il resto, come volete che cali? mi fa ridere che c'è chi pensa di pareggiare o meglio ridurlo. ..in che film?

VYGA54

Mar, 16/07/2013 - 11:11

Come mai ancora nessuno ha detto che è colpa di Belusconi???

piertrim

Mar, 16/07/2013 - 11:21

Questa classe politica, incapace di risparmiare ma specialista del buco, deve essere messa nell'impossibilità di fare altri danni e possibilmente finire in galera per bancarotta.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 16/07/2013 - 11:33

La accellerazione del debito dello stato mafioso sopra la pelle dei Lavoratori nella sua autoritaria demenza che non ha eguali al mondo ha indubbiamente una nota positiva: nonostante tutte le macchinazioni che possono essere messe in atto da questi sudici delinquenti la fine del sistema é ogni giorno piú vicina.

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 16/07/2013 - 11:37

La accellerazione del debito dello stato mafioso sopra la pelle dei Lavoratori nella sua autoritaria demenza che non ha eguali al mondo ha indubbiamente una nota positiva: nonostante tutte le macchinazioni che possono essere messe in atto da questi sudici delinquenti la fine del sistema é ogni giorno piú vicina.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 16/07/2013 - 11:49

ma che strane coincidenze! ogni volta che i comunisti mafiosi salgono al governo, il debito schizza d'un colpo in alto! strano eh...

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mar, 16/07/2013 - 11:49

La accellerazione del debito dello stato mafioso sopra la pelle dei Lavoratori nella sua autoritaria demenza che non ha eguali al mondo ha indubbiamente una nota positiva: nonostante tutte le macchinazioni che possono essere messe in atto da questi sudici delinquenti la fine del sistema é ogni giorno piú vicina.

canaletto

Mar, 16/07/2013 - 11:50

FINCHE SI CONTINUERA' AD EMETTERE TITOLI PER PAGARE QUELLI CHE SCADONO IL DEBITO PUBBLICO NON CALERA' MAI, LO SANNO ANCHE GLI ASINI MA FORSE I PROFESSORONI E LAUREATI DELLA BOCCONI NON LO HANNO STUDIATO. BISOGNA TAGLIARE E SUBIT IL SUPERFLUO E RIFORMARE LA LEGGE ELETTORALE, MAGISTRATURA, PENSIONI TOGLIENDO QUELLE SOPRA I 5000 EURO ED AUMENTANDO QUELLE DEI POVERI PENSIONATI E POI LAVORO CON RIDUZIONE DELLE GABELLE E DEI CONTRIBUTI ALTRIMENTI FRA CENT'ANNI, SE L'ITALIA ESISTERA' ANCORA, SAREMO SEMPRE NELLE STESSE CONDIZIONI

hansdejaco

Mar, 16/07/2013 - 11:51

piertrim, non solo i politici, ma soprattutto la burocrazia che sabota i possibili risparmi. si dovrebbe cominciare a licenziare i grandi comis dello stato che sono quelli che hanno il vero potere in mano. i politici sono solo dei coglioni impauriti.

Libertà75

Mar, 16/07/2013 - 12:03

ma quelli che ringraziano Monti e Letta di aver dato una sistemata ai conti pubblici italiani, dove sono ora? cala il pil, aumentano le entrate, va da se che la gente è sempre più povera

Ritratto di Gianfranco Robert Porelli

Gianfranco Robe...

Mar, 16/07/2013 - 12:22

E' innegabile che le cose sono molto peggiorate da che Berlusconi ha lasciato il timone della nave Italia. Adesso col sostenuto governo Letta, si sta facendo la scuola guida al timonier Enrico, per interposta persona del pilota Alfano. Però la rotta, l'unica possibile, è sempre quella tracciata dal nocchiero Berlusconi. Ammirino l'ammiraglio. Guardino le guardie PD. Osservino le serve M5S.

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 16/07/2013 - 12:25

Vorrei suggerire a qualcuno di andare a consultare questa pagina web: http://it.wikipedia.org/wiki/Debito_pubblico per rendersi conto di qual'è stato l'andamento del debito pubblico in Italia. Negli ultimi 10 anni il punto più basso è stato quello del 2007 con il 103,60%. I signori VYGA54, mortimermouse ed altri sono serviti.

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 16/07/2013 - 12:42

altre tasse in arrivo, cominciamo a licenziare i dipendenti pubblici mangiastipendio pieni di privilegi, a cominciare a maestri e professori luglio e agosto a casa pagati + le varie mega festività durante l'anno scolastico che vergogna, mai un test o un esame di aggiornamento.

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mar, 16/07/2013 - 12:55

I nodi verranno al pettine in autunno con l'ingorgo fiscale creato da questo governo....

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mar, 16/07/2013 - 13:07

@Gianfranco Robe... - Berlusconi, a parte la prima elezione del 92 - nella quale anch'io avevo riposto stupidamente qualche speranza - viene ormai votato non per perché timona la nave italia ma perché la lascia in porto.

Ritratto di Reinhard

Reinhard

Mar, 16/07/2013 - 13:20

Meno male che era tutta colpa di Berlusconi e che Monti era quello credibile!

VYGA54

Mar, 16/07/2013 - 13:36

Leopardi50: non prendere i numeri a tuo uso e piacimento solo perche Prodi a governato per 617 giorni del periodo 2006-2007 ( quello che evidentemente ti riferisci). Perchè non prendi in esame il periodo 1996-2001 governi del centro-sinistra per totale giorni 1817?

franco@Trier -DE

Mar, 16/07/2013 - 13:44

vabbè ma importante che si rompano le corna tra i PD e i PDL poi la crisi e nazione passa in secondo ordine, mica sono in crisi i politici , voi siete in crisi.VYGA 54 non è colpa ne di Berlusconi ne della sinistra è tutta colpa mia.

Ettore41

Mar, 16/07/2013 - 13:45

Se non si decidono a tagliare la spesa pubblica facciamo il botto. Il Welfare Stae e' insostenibile cosi' come lo vuole la sinistra. Tutti gli stati europei lo stanno in qualche modo modificando tranne noi. Tagliare prima di tutto l'assistenza sanitaria gratuita per tutti. Alcuni paesi dell UE stanno legiferando per un deposito che i cittadini non UE, con un VISA turistico, studentesco o di sei mesi, dovranno lasciare al momento del loro ingresso in quell paese. Basterebbe copiare (Boldrini permettendo).

Ettore41

Mar, 16/07/2013 - 13:56

@VYGA54. Cercare di far entrare nella zucca piena di segatura e frustrata come quella di Leopardi50 e' impresa dura e difficilissima, direi impossibile. Anche i bambini poco istruiti di una 5 elementare capiscono che quel dato non e' il risultato della mediocrita' di Prodi, bensi' di decisioni prese dal governo precedente.

Ritratto di illuso

illuso

Mar, 16/07/2013 - 14:10

Per Ettore41 ore13,45: Non so quanto sia vero, ma un mio caro conoscente residente in Francia mi diceva che la cifra dei medicinali che lo stato concede gratuitamente ai cittadini ha un tetto, passato il quale le medicine te le paghi, questo per evitare, come succede spesso da noi, che le famiglie abbiano in casa un'intera farmacia inutilizzata e che furgoni carichi delle stesse passino il confine. Noi comunque siamo ricchi e possiamo permettercelo e abbiamo il plauso delle società farmaceutiche. Cordialità.

Ritratto di mortimermouse

mortimermouse

Mar, 16/07/2013 - 14:11

LEOPARDI, lei è semplicemente ridicolo. si è servito di una informazione inattendibile: wikipedia, scritto da milioni di pseudo-esperti: lascio a lei ogni commento. non replico agli ignoranti...

ilsignorrossi

Mar, 16/07/2013 - 14:20

ma la spesa pubblica non si tocca ,vero? no guai sempre ai soliti noti

Ritratto di limick

limick

Mar, 16/07/2013 - 14:38

Speriamo di affossarci in fretta e con noi tutta la nazieuropa. Punto e a capo.

Ritratto di Banan@s republic.

Banan@s republic.

Mar, 16/07/2013 - 14:48

risanare il debito pubblico con la spesa corrente e permanendo all'interno della neurozona è come pretendere di svuotare un lago con un secchiello

Ritratto di leopardi50

leopardi50

Mar, 16/07/2013 - 15:15

@ VYGA54 - Non mi stupisce che lei non abbia compreso che per quanto mi interessa, non faccio distinzione tra cdx o csx ma quello che vorrei è l'onesta intellettuale che non pretendo nemmeno io di possedere sempre. Nella merda ci siamo finiti tutti e non porta da nessuna parte questa contrapposizione sterile e l'addossarsi le colpe per cercare di salvarsi il sedere.

cameo44

Mar, 16/07/2013 - 16:03

L'Italia è il paese dell'impossibile nonostante i tanti tagli a tutti i livelli TRANNE ALLA POLITICA e l'aumento spropositato delle imposte il debito pubblico aumenta una dimostrazione che siamo in mano di nes suno o meglio di gente incapace non basta essere laureati o essere bocconiani sono i risultati che contano un paese che da decenni non paga i propri debiti con aziende che falliscono perchè non incassano i propri crediti non si può definire un paese civile e democratico e in un momednto di crisi con gente che si suicida la camera ha pen sato bene di fare nuove assunzioni per spolverare i libri che forse nemmeno la boldrini guarderà mai tutti a chiedersi dove trovare i sol di per eliminare l'IMU e l'aumento dell'IVA tanti sono i posti dove intervenire ma i nostri politici sono bravi e solerti a colpire solo e sempre le famiglie dei pensionati e lavoratori per il resto è tabù come le pensione d'oro o i compensi ai partiti come tutte le zavorre

Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mar, 16/07/2013 - 16:45

DIPENDENTI PUBBLICI A CASA LICENZIATI ECCO LA SOLUZIONE.

VYGA54

Mar, 16/07/2013 - 17:07

Leopardi50: Prendo atto che lei è "super partes" e che io evidentemente ho frainteso il suo termine di paragone del precedente post. Ma come diceva qualcuno " ..a pensar male si fa peccato ma spesso ci si azzecca". Saluti.

Ritratto di Memphis35

Memphis35

Mar, 16/07/2013 - 17:10

La luce in fondo al tunnel, già intravista da quel genio dell'economia collaborazionista del precedente governo, si fa sempre più vivida...addirittura accecante.

Fracescodel

Mar, 16/07/2013 - 17:46

Unica soluzione = RINNEGARE DEBITO ED INTERESSI...inquanto criminosi e figli di una strategia del potere bancario. Senza gli interessi sul debito, e senza dover ripagare il debito, ci sarebbe un surplus INCREDIBILE, e l'economia andrebbe a GONFIE VELE. ORA, PRIMA DI TUTTO IN UNA NAZIONE VIENE IL POPOLO...PER IL BENE DEL POPOLO, E COME STRATEGIA UNICA PER SALVARE IL PAESE SERVE RIPUDIARE IL DEBITO. Se non e' chiaro, c'e' qualcosa che non capite nei numeri: IL DEBITO NON SARA' MAI RIPAGABILE..anche vendendo tutte le proprieta' statali (grande bugia che ci raccontano per svenderle comunque, creando costi futuri ancor piu' alti.). L'Islanda l'ha fatto. Ha ripudiato il debito ed arrestato tutti, banchieri e politici...perche' CORROTTI TRADITORI CONSCI DI DANNEGGIARE IL PAESE PER ASSERVIRE POTERI INTENAZIONALI.

angelomaria

Mar, 16/07/2013 - 18:29

finora amcora amcora ma'dopo aver visto questa pagina con ingroia e l'ttacco ha testa bassa ad ALFANO poi il ricordo delle spese folli della cosidetta amante dei libri che se'messaintedta di spendereuna marea di denaro VOSTRA per tispolverarli!?ma che si rispolveri il suo cervello e quello dell'amica sirteormaipiu' che una barzelletta