Bankitalia vede nero. Nel 2014 giù i consumi e sale la disoccupazione

Disoccupazione in aumento, consumi in picchiata, diminuzione del Pil. La Banca d'Italia, nel suo bollettino economico, prevede un 2014 a tinte fosche

La sede di Bankitalia

Disoccupazione in aumento, consumi in picchiata, diminuzione del Pil e altro ancora. Bankitalia vede nero. Nel suo bollettino economico, via Nazionale prevede un 2014 a tinte fosche. Le condizioni del mercato del lavoro italiano sono destinate "a deteriorarsi nell’anno in corso" e, dopo l’apice che sarà toccato il prossimo anno, nella seconda metà del 2014 sarà possibile intravedere una "timida ripresa" sul fronte dell’occupazione. Tuttavia, secondo Bankitalia, "il numero di occupati diminuirebbe di circa l’1,5% nel biennio 2013-14 e a fronte di un modesto aumento dell’offerta di lavoro il tasso di disoccupazione continuerebbe a salire, portandosi in prossimità del 13% nel 2014".

Brutte notizie anche per il pil italiano che diminuirà dell’1,9% nel 2013 per poi riprendere a salire nel 2014. "Sulla ripresa dell’attività economica tra la fine del 2013 e l’inizio del 2014 gravano rischi al ribasso, legati principalmente alle prospettive dell’economia globale, alle condizioni di liquidità delle imprese e a quelle dell’offerta di credito. La domanda estera potrebbe risultare più debole di quanto ipotizzato, se il ritmo di crescita delle principali economie emergenti dovesse diminuire e la debolezza ciclica in Europa dovesse protrarsi", scrive la Banca d'Italia.

Che poi torna sul rischio spread e sul costo del credito per le imprese italiane che non calerà né quest’anno né nel prossimo. Infine, i consumi delle famiglie italiane resteranno molto deboli nel 2013 (anno in cui scenderanno del 2,3% rispetto all’anno precedente) per poi stabilizzarsi nel 2014.

Commenti
Ritratto di Dragon_Lord

Dragon_Lord

Mer, 17/07/2013 - 15:27

ITALIANI UCCISI DALL'EURO, DIVORATORE DI POPOLI

Ritratto di CADAQUES

CADAQUES

Mer, 17/07/2013 - 15:42

SOLO IL FALLIMENTO DELLO STATO MAFIOSO PUÓ LIBERARE I LAVORATORI DALLA OPPRESSIONE DEI PARASSITI.

maxaureli

Mer, 17/07/2013 - 15:51

E capirai che notizia e previsione....

gneo58

Mer, 17/07/2013 - 16:03

ah ah ah e gli "scienziati" vedevano la luce in fondo al tunnel - l'avevano fatta l'inchiesta dei parlamentari che si drogavano, questa e' la conferma.

gneo58

Mer, 17/07/2013 - 16:05

ah ah ah e gli "scienziati" vedevano la luce in fondo al tunnel - l'avevano fatta l'inchiesta dei parlamentari che si drogavano, questa e' la conferma.

gianfran41

Mer, 17/07/2013 - 16:14

C'è qualcuno che si meraviglia?

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mer, 17/07/2013 - 16:27

Ci credo, con Letta che non combina una mazza se non spostare di qualche mese il pagamento delle imposte. Si dovrebbero invece licenziare e mandare ad arare i campi lavoratori socialmente in-utili, forestali e fancazzisti di stato ed utilizzare i soldi risparmiati per tagliare le tasse. Ma questi purtroppo sono tutti soggetti col diritto di voto.

Zizzigo

Mer, 17/07/2013 - 16:33

Il mondo dell'economia è un mondo di ciechi. Di questo passo l'unica verità prevedibile è la rivoluzione... altro che ripresa nel 2014!

handy13

Mer, 17/07/2013 - 16:44

...x forza,...la soluzione di LETTA è stata che ...le imprese che chiudono assumano un giovane esentasse..!!!...sembra una barzelletta,...

Ritratto di Goldglimmer

Goldglimmer

Mer, 17/07/2013 - 16:46

Quanto tempo ci vorrà ancora affinchè gli italiani comprendano che a forza di votare PD (con o senza L non importa)la nazione ormai è sporfondata nella melma. Sono sicuro che alle prossime elezioni voteremo ancora gli stessi individui che fin quì ci hanno portati e che ancora una volta si autoproclamano i salvatori della patria......vedi Bersani, vedi Berlusconi, vedi Monti, vedi Letta. Poi arriverà Renzi, con le sue solite battute ma senza un briciolo di proposta seria.

gianlucamessini

Mer, 17/07/2013 - 16:57

Nelle difficoltà i componenti di una famiglia si aiutano. Vi sembra che il popolo italiano in tutte le sue componenti abbia intenzione di aiutarsi? No, ognuno sta difendendo i propri privilegi avallati da una casta politica inconcludente e incompetente. Ma oramai questo lo abbiamo ripetuto più volte e quindi che fare? Niente, stringere la cinghia nella speranza che questa situazione al più presto finisca, o responsabili o falliti!

m.m.f

Mer, 17/07/2013 - 17:01

l'ultima parte del 2013 e il 2014 saranno la definitiva resa dei conti! il paese crolla definitivamente! dire nero è ancora ottimistico. paese cotto finito fallito. fine di un era e soprattutto fine delle prese in giro. la soluzione rimane sempre la stessa,delocalizzare.

m.m.f

Mer, 17/07/2013 - 17:04

italia paese corrotto.................ha sempre vissuto al di sopra delle sue possibilità..........è la giusta fine che si merita............ un paese ignorante,corrotto,povero,mafioso ..........vecchio e indietro su tutto il peggio d'europa. paese dal quale stare lontanissimi!!!!

Libertà75

Mer, 17/07/2013 - 17:25

@pisistrato, secondo lei si risparmia qualcosa a togliere lo stipendio e poi dare un sussidio? o forse pensa di non dare sussidi così poi per evitare brigantaggio diffuso si è costretti ad aumentare forze dell'ordine? Certo che è bello non sapere di comportamenti sociologici derivanti da interrelazioni micro e macroeconomiche e poi venire qui a fare il docente in cattedra. Saluti a lei.

Ritratto di centocinque

centocinque

Mer, 17/07/2013 - 17:33

Walter Chiari fu perseguitato per avere detto una battuta che più o meno era "quando hanno appeso i gerchi fascisti a testa in giù a piazzale Loreto non è caduta dalle loro tasche neanche una moneta, se succedesse con questi vedi cosa scende", penso che il giorno che questi finiranno a piazzale Loreto scorreranno fiumi d'oro!

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mer, 17/07/2013 - 17:43

@Libertà75 - non c'è da dare nessun sussidio, ci sono decine di migliaia di ettari di terra del demanio coltivabili, si fa un bel corso di formazione agraria a questi soggetti (un corso vero, non inventato per prendere i soldi dalla regione) e gli si danno in comodato d'uso 1000mq a testa di terreno.

gneo58

Mer, 17/07/2013 - 17:54

per Liberta' 75 - le soluzioni, senza fare come il gioco del 15, ci sono solo che questo stato, pozzo immenso senza fondo, non le vuole adottare, preferisce continuare a tassare finche' puo' per poi sparire e dare, come sempre la colpa ai predecessori.

gneo58

Mer, 17/07/2013 - 17:58

quando e' stato il momento di metterlo sotto la codaa lavoratori e pensionati hanno fatto tutto in una notte, qui che bisogna fare subito qualcosa, non si fa niente, sono mesi ormai che si girano i pollici e le uniche cose su cui sono capaci di ciattellare sono la Kyenge e Calderoli, la Kazaka, e varie altre che, in momenti diversi ci starebbero bene ma ora come ora sono niente difronte al disastro totale che abbiamo davanti agli occhi

Libertà75

Mer, 17/07/2013 - 18:20

@pisistrato, e a chi vendiamo le eccedenze alimentari? agli africani che non hanno soldi? come vede il Pil crollerebbe comunque, però sul breve periodo ha ragione lei, si alzerebbe perché le spese per accessibilità, irrigazione e bonifica inciderebbero positivamente. @gneo58, sa quale è la soluzione? mutualizzare il debito indicizzandolo al costo del tasso di sconto aumentato di un giusto profitto, un risparmio che in Italia si aggirerebbe intorno ai 50 miliardi annui, concambiare parte del patrimonio con liquidità, riattivare una politica dei redditi che favorisca i consumi, sbloccare i soldi del patto di stabilità che hanno i comuni, i quali con piccole opere creano maggiore occupazione di una grande opera come può essere quella della TAV, ecc.. ecc.. ecc...

urgutintu

Mer, 17/07/2013 - 20:25

Ma come! E la luce in fondo al tunnel che vedeva l'emerito professore della Bocconi Mario Monti ed il suo compare emerito Vittorio Grilli. Il gatto e la volpe. E quei fessi degli italiani che si sono fatti abbindolare.

chiara 2

Mer, 17/07/2013 - 20:51

Ma di cosa vi preoccupate? In fondo in Italia, se crepano di fame qualche milione di famiglie ITALIANE non gliene può fregare di meno a nessuno! L'importante è che gli immigrati stiano bene e continuino a sfornare mini-parassiti a josa. O no?

Ritratto di pisistrato

pisistrato

Mer, 17/07/2013 - 21:46

@Libertà75 - io faccio l'imprenditore non l'economista, lo studio dei dettagli lo lascio a lei. Rilevo semplicemente che a Roma frutta e verdura costano appena meno che in centro Londra dove lavoro quindi se si manda qualche dipendente statale a zappare la terra non facciamo di certo male, né ai conti pubblici né al suo portafoglio.

Ritratto di arcistufa

arcistufa

Mer, 17/07/2013 - 23:46

che scoperta.......

luca 1972

Gio, 18/07/2013 - 15:33

le pensioni sotto i mille ormai sono da fame poveri italiani via gli stranieri senza lavoro via via altrimenti per noi è finita.